Connect with us

News

Impegni nazionali si (ri)parte: Maistro spera nell’esordio, Dziczek punto fermo

Campionato fermo, ci sono le Nazionali. Dopo la prima tornata di gare con un bottino altalenante (Dziczek titolare indiscusso, Karo in panchina e Maistro in tribuna, ndr) i tre calciatori granata convocati con le rispettive squadre affrontano il secondo giro di sfide con le rispettive rappresentative.

SPERANZA AZZURRA. Potrebbe essere la prima volta anche di Fabio Maistro, chiamato dal CT Nicolato con la Nazionale Under 21. Dopo la tribuna per scelta tecnica in Irlanda, il calciatore veneto avrà la certezza di essere almeno in panchina: nelle ultime ore, infatti, gli azzurrini hanno “perso” tre pedine, sostituendone una sola. Moises Kean è squalificato dopo il rosso rimediato giovedì, Sandro Tonali e il difensore dello Spezia Riccardo Marchizza non faranno parte della trasferta in Armenia (fischio d’inizio alle ore 18.30 italiane, diretta su Rai 2) e hanno già lasciato il ritiro per motivi diversi: il primo è stato promosso in nazionale maggiore per sostituire l’infortunato Sensi, il secondo, invece, ha dato forfait a causa di un problema muscolare avuto proprio nel corso della sfida di Dublino. Al posto del centrale difensivo è stato convocato Davide Bettella, calciatore del Pescara e che ha segnato ai granata nello scorso campionato. L’assenza di Tonali costringerà Nicolato a ridisegnare il centrocampo e chissà che non ci sia spazio proprio per il calciatore granata.

CERTEZZA DZICZEK. Chi invece l’esordio con la Salernitana non lo ha ancora fatto è Patryck Dziczek, punto fermo però della Polonia Under 21. Venerdì ha giocato 90 minuti contro la Russia, sfiorando il goal e beccandosi un cartellino giallo nel convulso finale. Il centrocampista affronterà la Serbia a Lodz: fischio d’inizio fissato alle ore 18 di martedì in una gara molto delicata: la Polonia, infatti, guida con 7 punti il gruppo E. La Serbia segue a tre lunghezze di distanza.

KARO CI RIPROVA. Andreas Karo prova a spezzare l’incantesimo dell’esordio in Nazionale maggiore: il difensore, infatti, è reduce da sei panchine con il “suo” Cipro (l’ultima giovedì con il Kazakistan, ndr) che quest’oggi ospita, con fischio d’inizio alle ore 18, la Russia, seconda in classifica nel gruppo I. Con un pareggio, gli ospiti sarebbero automaticamente qualificati ad Euro 2020 mentre una vittoria del sodalizio isolano potrebbe aprire parzialmente il discorso. Si vedrà. Ad ora lo stopper, cui cartellino è di proprietà della Lazio, parte indietro nelle gerarchie della retroguardia cipriota. Il numero 16 granata ha rilasciato alcune dichiarazioni in queste ore ai media (leggi qui l’intervista).

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News