Connect with us

Calciomercato

UFFICIALE. Schiavi lascia la Salernitana, firmato un biennale con il Cosenza

ORE 21.50 – Termina ufficialmente la seconda avventura di Raffaele Schiavi con la maglia della Salernitana. Dopo quattro anni, lo stopper metelliano sveste la casacca granata per vestire quella del Cosenza. Il difensore classe ’86, non convocato per il ritiro di San Gregorio Magno, ha firmato un contratto biennale con i silani che pochi istanti fa hanno annunciato il buon esito della trattativa.

La Società Cosenza Calcio comunica di aver raggiunto l’accordo con la Società U.S. Salernitana 1919 per l’acquisizione del diritto alle prestazioni sportive di Raffaele Schiavi, che ha firmato un contratto biennale con scadenza il 30 giugno 2021. Il difensore, nato a Cava de’ Tirreni il 15 marzo 1986, vanta una decennale esperienza nel campionato cadetto, avendo collezionato 280 gettoni di presenza così distribuiti: 71 con la maglia della Salernitana, 10 con quella del Frosinone, 16 nel Catania, 22 con il Pescara, 29 con lo Spezia, 28 con il Padova, 37 con il Vicenza, 63 con il Lecce e infine 4 con il Brescia. Al suo attivo anche 14 reti. Nel suo personale palmares annovera inoltre 14 gare nel campionato di Serie A nelle fila del Lecce. Inizia ora la nuova avventura nel branco!

Di seguito invece la nota del club granata: “L’U.S. Salernitana 1919 comunica di aver raggiunto l’accordo con il Cosenza Calcio per il trasferimento a titolo definitivo del difensore classe ‘86 Raffaele Schiavi. Nel ringraziarlo per le prestazioni offerte e la professionalità profusa la Società augura al calciatore le migliori fortune”.

ORE 13.50 – È slittato solo di qualche giorno l’appuntamento per interrompere il contratto di Raffaele Schiavi con la Salernitana. Inizialmente previsto quattro giorni fa (clicca qui per leggere), l’incontro tra entourage del calciatore e dirigenza granata è fissato in giornata: l’ormai ex capitano granata rescinderà a strettissimo giro il vincolo che lo legherebbe al cavalluccio marino ancora per un’ulteriore stagione, percependo una buonuscita. Dopodiché, provvederà a firmare un accordo biennale con il Cosenza del ds Stefano Trinchera, che qualche giorno fa ha rinforzato il reparto difensivo anche con un altro ex granata, Salvatore Monaco (clicca qui per leggere). Tutto praticamente fatto, servono le controfirme della società granata da Roma. Schiavi dovrebbe poi aggregarsi al Cosenza lunedì 5 alla ripresa della preparazione.

I rossoblu erano sulle tracce del difensore classe 1985 da oltre un mese, ma c’era da superare il non facile scoglio del contratto pesante ancora in essere con la Salernitana. Un nodo che si sbroglierà oggi, quando dovrebbe arrivare anche l’ufficialità dell’operazione. Schiavi lascerà la Salernitana dopo 75 presenze (con 4 gol) e un’alternanza di alti e bassi nel rendimento che un po’ tutti, lui per primo, speravano diverso. Influenzato negativamente anche dai tanti infortuni (su tutti la frattura del perone dell’ottobre 2015 in un Salernitana-Cesena), il difensore metelliano non è riuscito a dare quanto avrebbe voluto e potuto. Complici anche alcune ruggini con qualche tecnico passato per Salerno, in quattro stagioni non ha mai superato il nastro delle 30 presenze annuali. Quest’anno sarebbe diventato giocatore bandiera, ma la società ha deciso – di concerto con Ventura – di non puntare su di lui. Tornerà all’Arechi da avversario, con il lupo silano sul petto.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Calciomercato