Connect with us

News

Questione orari, la Serie A indica le fasce ma i calciatori protestano. E la B prende appunti

pallone

Il primo punto è stato discusso e si è arrivata a una decisione (più o meno) concorde: si può tornare a giocare, il 20 giugno Serie A e Serie B vanno in campo. Adesso bisogna cercare di risolvere tutti gli altri dubbi, dal protocollo agli orari.

Continua la protesta dei calciatori sulle fasce indicate per la disputa delle partite. Evitata e scongiurata l’ipotesi primo pomeriggio, si lavora per cercare di accontentare tutti. Domani l’Assemblea di Lega A dovrebbe fissare le date e stilare il calendario di impegni fino a metà luglio. Con tanto di orari. L’intenzione dei massimi vertici del campionato italiano è quella di giocare nel turno infrasettimanale alle 19.30 e alle 21.45 mentre nei weekend anche alle 17.15. I giocatori continuano a protestare su quest’ultimo orario, meglio giocare dalle 19.30 in poi (clicca qui per leggere l’articolo).

La Serie B guarda interessata e prende appunti. Questa settimana ci sarà Assemblea di Lega, naturalmente si discuterà anche degli orari. Normalmente la Serie B va in campo con un quarto d’ora di differenza dalla A (in regular season alla partita delle 20.45 la cadetteria rispondeva alle 21). Adesso si pensa sia a confermare le fasce, ma anche a spostarle leggermente: l’orario delle 22 alla spagnola è invitante, ma solo per il weekend. Nei turni infrasettimanali, infatti, l’orientamento è confermare le 21:45 oppure addirittura anticipare di un quarto d’ora. Difficile, anche per la B, che si possa giocare già intorno alle 17.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News