Connect with us

News

“Noi non siamo salernitani”: sindaco di Avellino fa l’ultrà in strada e guida assembramenti

Un sabato sera clamoroso ad Avellino, dove in tempi ancora di rigore doveroso e attenzioni sui possibili assembramenti (non a caso sono ben precise determinate ordinanze del governatore della Campania, De Luca), il primo cittadino ha ben pensato di guidare un estemporaneo quanto folto assembramento di giovani nella movida, al grido di “noi non siamo salernitani” e “Avellino siamo noi”. Gianluca Festa, 45 anni, primo cittadino del capoluogo irpino da un anno, si è improvvisato capo ultrà in strada e nel video pubblicato dal consigliere comunale di opposizione, Luca Cipriano, è ritratto mentre si lascia andare a un comportamento già di per sé non esattamente istituzionale, ma ancor di più oggi – con l’emergenza attuale che non è certo sopita – rumoroso… a tutti gli effetti.

Mascherina indossata… ma nel bel mezzo di un affollamento incredibile creato proprio dal sindaco. Un grave scivolone per Festa, con l’aggravante di aggiungerci pure – oltre a rischi per la salute – anche un gratuito sfottò (calcistico?) ai vicini di provincia, istigando anche qualche gesto decisamente non oxfordiano. La scena si chiude con abbracci, selfie e gli astanti che cantano “chi nun zomb è pisciaiuolo”.

1 Commento

1 Commento

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News