Connect with us

News

Tanta acqua e niente peccati di gola, Salernitana a dieta in vista del rush finale

Al ritorno in campo saranno dieci finali, dieci partite nelle quali la Salernitana dovrà provare a dare e a raccogliere il massimo per non perdere la possibilità di agguantare la Serie A dalla porta di servizio dei playoff. Non sarà di certo facile, dopo quasi tre mesi di stop, tornare a giocare partite ravvicinatissime e, per di più, nei mesi estivi. La cura dei dettagli potrà fare sicuramente la differenza in questo rush. Già nel periodo di lockdown i calciatori avevano ricevuto indicazioni specifiche per quanto riguarda le tipologie di allenamento, dal ritorno alla normalità pochi giorni fa sono scattati poi tamponi, visite mediche e i test sulla composizione corporea che hanno dato risultati soddisfacenti. Dopo la decisione societaria del semiritiro, la squadra sarà seguita costantemente dal preparatore atletico Innocenti, per prevenire infortuni, e dal nutrizionista Cioffi che fornirà ai calciatori una vera e propria dieta, come riporta Il Mattino. Di Tacchio e compagni dovranno bere tanta acqua, integrando i sali minerali, rigidi i paletti a tavola e niente giorno libero con possibilità di qualche peccato di gola. Carboidrati (solitamente pasta integrale), verdure crude (ricche di acqua) e, in caso di doppia seduta, aggiunta del secondo (salmone, tonno o petto di pollo), queste le linee guida; a cena un pizzico di libertà in più. In questi giorni sono state fornite porzioni di frutta a fine allenamento, da lunedì spazio anche a fette biscottate con marmellata senza zucchero per piccoli spuntini prima della seduta del pomeriggio. Il tutto senza dimenticare ovviamente le normative anti-Covid, a vigilare ci sarà il nuovo responsabile sanitario Nello D’Arrigo. Bottigliette personalizzate per i giocatori che pranzeranno nel camping di fronte al Mary Rosy, l’accesso alla sala sarà chiaramente contingentato e con tempi limitati di permanenza, mantenendo le giuste distanze; le stanze dovranno essere adeguatamente arieggiate, i calciatori dovranno chiaramente provvedere a lavare e disinfettare le mani. Dovranno poi essere evitati contatti col personale, sarà tutto self-service in porzioni fornite da un ristorante di fiducia del club. A fine pasto l’unico svago possibile sarà una passeggiata in riva al mare, nessuna attività ricreativa in bar e sale chiuse per evitare assembramenti.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News