Connect with us

News

Indice di liquidità per l’iscrizione: la Lega Serie A presenta ricorso contro la FIGC

Nemmeno il tempo di fermare le classiche “bocce” (ricordiamo che questa sera una squadra italiana, la Roma, si gioca un trofeo internazionale con la finale di Conference League) che si apre un duro braccio di ferro tra Lega Serie A e FIGC. L’oggetto del contendere è la delibera del 26 aprile scorso, che fissa i paletti per l’ammissione al Campionato 2022/23 con il Sistema delle Licenze Nazionali basato sul controverso indice di liquidità. La Lega Nazionale Professionisti ha presentato quest’oggi un ricorso contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio per l’annullamento del Comunicato Ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio – F.I.G.C. n. 220/A del 27 aprile 2022 in cui si pubblica la delibera del Consiglio Federale FIGC del 26 aprile. Nel ricorso, la Lega Serie A chiede al Collegio di Garanzia di annullare gli atti impugnati.

Gli interessi della Lega Serie A sono curati dai legali prof. avv. Romano Vaccarella, prof. avv. Bernardo Giorgio Mattarella e avv. Avilio Presutti, che hanno redatto il ricorso poi presentato al Tribunale Federale Nazionale, al Collegio di Garanzia e al Tar del Lazio, una scelta tripla finalizzata a coprire tutte le opzioni, alla luce della difficoltà di individuare con certezza il giudice competente.

Il Presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini ha così commentato: “E’ un atto dovuto per difendere il ruolo e il prestigio della Lega, che si sarebbe evitato, se la Serie A fosse stata davvero ascoltata in questi mesi. Non si tratta di numeri o cifre decimali, ma delle modalità con le quali vengono discusse e prese decisioni di grandissima importanza per il futuro dell’intero movimento. Già lo scorso marzo, prima della mia elezione, la Serie A aveva evidenziato all’unanimità il problema, senza ottenere adeguate risposte. Il ricorso è quindi la naturale ed inevitabile conseguenza dell’assenza di interlocuzioni costruttive con la FIGC e non è certo una dichiarazione di guerra, ma semmai un’azione a tutela della Serie A. La democrazia non può essere solo fatta di maggioranze in Consiglio Federale, ma deve includere anche ascolto, partecipazione e giusto procedimento: sulle regole della Serie A, tutte le società si aspettano che la posizione della Lega riceva la giusta considerazione, non che sia ignorata”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News