Connect with us

Serie B

Caos Serie B, niente firme del segretario sugli atti della B a 19 squadre. E l’Entella chiede riammissione

serie b

Inizierà tra cinque giorni il campionato di Serie B dopo un’estate tortuosa e tormentata tra richieste di iscrizione respinte, ricorsi e ripescaggi improvvisamente bloccati. Domani inizierà la settimana che porterà al match inaugurale tra Brescia e Perugia ma i problemi non sembrano essere finiti.

Nella giornata ieri l’ex direttore e segretario generale della FIGC, Antonello Valentini, ha risposto all’avvocato Cesare Di Cintio esperto di diritto sportivo il quale negli ultimi giorni ha esternato il suo pensiero sulla questione ripescaggi. Valentini ha rivelato un problema non di poco conto negli atti che hanno ufficializzato la Serie B a diciannove squadre:  “Egregio avvocato,sarà opportuno far notare al Collegio di Garanzia del CONI anche questo aspetto inedito e molto significativo. Sulle modifiche normative per la B a 19,i tre Comunicati ufficiali della Figc hanno solo la sua firma di Commissario; il segretario federale si cautela e non firma.Un precedente senza precedenti. Negli ultimi 30 anni della storia e degli atti ufficiali della Figc,non era mai accaduto.Nelle gestioni ordinarie dei presidenti Matarrese, Nizzola, Carraro, Abete e Tavecchio e nei quattro periodi Commissariali affidati a Pagnozzi, Petrucci,Guido Rossi e Pancalli, i Comunicati ufficiali della Federcalcio -quelli che “fanno legge” e hanno carattere pubblico sotto tutti i punti di vista- sono sempre stati emessi a doppia firma: quella del Presidente o del Commissario in carica (in basso a destra) e quella di ratifica del Segretario federale (in basso a sinistra).


Questa volta, c’è solo la firma del Commissario Fabbricini.Il segretario federale Di Sebastiano non ha firmato i provvedimenti con i quali,nel giro di 10 giorni, Fabbricini ha smentito se stesso,con una capriola assecondata dallo staff giuridico di Malago’,a sua volta pressato da Lotito che avrebbe messo sul piatto un accordo per un presidente Figc gradito al n.1 del Coni,contro il cartello elettorale Sibilia-Gravina-Tommasi-Nicchi,forte del 73% dei voti. La mancata firma del Segretario federale sui tre Comunicati Ufficiali per la B a 19 ( numeri 47/48/49),sa tanto di legittima difesa o di legittima cautela,di fronte alle cause per danni e al rischio di risarcimenti personali in solido. Alla guerra dichiarata dai club esclusi dai ripescaggi, si sono aggiunte contro Fabbricini le dichiarazioni di fuoco del presidente del sindacato calciatori,l’ex azzurro Tommasi, e del n.1 della Lega Pro Gravina che ha sollecitato anche l’intervento del Governo attraverso il sottosegretario allo Sport Giorgetti”.

Lo stesso Di Cintio ha poi replicato:  “Gentilissimo direttore quando da lei evidenziato è corretto e notato da altri occhi attenti come i suoi. inoltre la tesi e supportata da norme federali in quanto ai sensi dell’articolo 13 comma 1 NOIF, infatti, “le decisioni degli organi e degli enti operanti nell’ambito federale sono pubblicate mediante comunicati ufficiali firmati dal Presidente e dal Segretario”. La norma in esame prevede, quindi, che tutti i comunicati federali debbano essere firmati da entrambe i soggetti indicati: Presidente e Segretario! La mancanza della sottoscrizione comporterebbe, a mio parere, la nullità del provvedimento”.

Ma non è finita qui: il Catania – squadra maggiormente accreditata per il ripescaggio in cadetteria – ha inviato una lettera al Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Giancarlo Giorgetti con l’intenzione di  destituire il Commissario Figc Roberto Fabbricini ed annullare gli atti federali datati 13 agosto. Annuncia guerra anche la Virtus Entella che ha ufficialmente chiesto la riammissione in Serie B come ventesima squadra del campionato di Serie B. C’è poi un nuovo ricorso della Pro Vercelli che chiede lo slittamento della prima partita dei piemontesi in Serie C con acquisizione “delle delibere delle Assemblee della LNPB dei giorni 10 e 30 luglio 2018 inerenti ai blocchi dei ripescaggi, nonché la comunicazione inviata in data 9 agosto dalla LNPB alla FIGC con la quale il Consiglio Direttivo della medesima Lega “ha deliberato di non avvalersi della possibilità di integrare le vacanze di organico del Campionato di Serie B 2018/2019″; delle delibere della Giunta del CONI n. 52 del 1° febbraio 2018 e delle ulteriori; degli atti istruttori che hanno preceduto le deliberazioni qui impugnate, per tutte le ragioni esposte nel ricorso”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Serie B