Connect with us

News

VIDEO. Festa granata a Lignano: all’uscita la gioia dei tifosi del Nord Est

Una giornata al cardiopalma con meritata festa finale. La Salernitana tutta è esplosa al rigore di Gennaro Tutino al 96′. Calciatori, staff, dirigenza e… tifosi. Nonostante le porte chiuse causa Covid una delegazione del Club NordEst granata ha supportato la squadra oggi al Teghil.

Circa 20 tifosi infatti hanno prima fatto visita ai calciatori all’esterno dell’hotel San Carlo, sede del ritiro, e poi all’esterno dell’impianto prima del fischio d’inizio. I supporter poi sono andati a pranzo in un ristorante vicino, per tornare fuori dallo stadio e intonare cori, nitidamente udibili dall’interno, nell’arco della seconda parte del match. A fine partita poi l’attesa per salutare calorosamente il pullman della squadra. Tanti calciatori si sono affacciati per ringraziare i presenti a distanza di sicurezza. Belec, Bogdan, Djuric, Kiyine, Schiavone, Di Tacchio, Capezzi, il man of the match Tutino, tutti a prendersi cori e incitamento dai supporter che hanno calorosamente salutato ed applaudito il dirigente Bianchi. L’autobus della squadra, scortato da una volante della Guardia di Finanza, ha lasciato lo stadio per raggiungere l’aeroporto di Trieste (dove ad attenderli c’era il charter per riportarli a Napoli e poi a Salerno in bus) sulle note di ‘ci devi credere’. I tifosi hanno chiesto e ottenuto di far aprire la porta di accesso al pullman per far arrivare più nitidamente le note all’interno. Il tutto ovviamente nel rispetto delle distanze e senza avvicinare i calciatori. C’era un mini cordone di polizia a contenere l’entusiasmo genuino dei sostenitori granata residenti nel nord Italia.

CLICCA QUI PER RIVIVERE IL VIDEO IN DIRETTA DEL SALUTO DEI TIFOSI ALL’ESTERNO DEL TEGHIL.

Da Salerno allo stadio Teghil è giunto anche l’assessore allo sport del Comune di Salerno Angelo Caramanno, spesso al seguito della squadra in trasferta. Esplosione di gioia anche per lui in tribuna a fine partita. Presenti ovviamente anche le due dirigenze: il patron neroverde Lovisa ed Alberto Bianchi e Angelo Fabiani. Questi ultimi due non hanno (volutamente) assistito alla battuta vincente di Gennaro Tutino: era troppa la pressione in campo nel momento topico del match, durante la rincorsa si sono girati dall’altro lato. Pressione liberata in un urlo di gioia quando la palla si è insaccata nell’angolino destro basso alle spalle di Perisan.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News