Connect with us

News

Turno infrasettimanale ex granata, a segno Donnarumma e Colombo. Vitale ritrova la A dopo otto anni

Quello appena andato agli archivi è stato un turno infrasettimanale ricco di gioie per gli ex Salernitana tra Serie A, B e C e Primavera. In primis per Alfredo Donnarumma, autore del quarto goal personale (in cinque presenze). Questa volta la vittima è la Juventus. Gioia anche per Riccardo Colombo (Pro Patria) contro la Pianese. Ritrova la massima serie Gigi Vitale dopo ben otto anni di assenza (ultima presenza con la maglia del Napoli).

SERIE A. Dopo la doppietta contro il Bologna, Alfredo Donnarumma ci prende gusto. Quarto centro in campionato in cinque presenze per la punta di Torre Annunziata. Il suo Brescia, però, perde di misura contro la Juventus. La Lazio va ko a Milano, nella sfida contro l’Inter. Panchina per Immobile che subentra nella ripresa senza incidere. Strakosha non può nulla sulla rete di D’Ambrosio, anzi riesce ad evitare il raddoppio nerazzurro con un duplice intervento. Partita sufficiente per Luiz Felipe mentre Andrè Anderson non è stato convocato. Sono rimasti in panchina Terracciano (Fiorentina), Radunovic, Berardi ed Empereur (Verona) mentre Vitale è subentrato nei minuti finali: non giocava in A dal 15 maggio 2011.

SERIE B. Il turno in cadetteria si apre con il netto successo del Perugia di Marcello Falzerano (assist-man in occasione del centro di Kouan, ndr) sul Frosinone di Dionisi (l’attaccante è out, salterà probabilmente la sfida con i granata); vetta della classifica per l’Ascoli di Raffaele Pucino (titolare) e Lorenzo Laverone (panchina): i bianconeri regolano nettamente lo Spezia degli ex Matteo Ricci (sbaglia un calcio di rigore nei minuti finali) e Antonino Ragusa, quest’ultimo è subentrato nella ripresa. Va in rete Riccardo Bocalon, il Doge suggella il successo esterno del Venezia sull’Entella. Ha giocato interamente il match anche il collega di reparto Adriano Montalto.

Identico destino per Romano Perticone (ammonito), che partecipa in maniera attiva al successo del Cittadella sostituendo il collega di reparto Camigliano sul Pescara di Scognamiglio; il Benevento di Gori, Tuia, Improta e Coda (primi tre rimangono in panca, il secondo gioca per novanta minuti, ndr) impatta ad Udine contro il Pordenone; maglia da titolare per Guillaume Gigliotti (ammonito) che, con il suo Crotone (Nalini rimane in panca), supera nel finale la Juve Stabia di Ciro Ferrara (vice di Caserta), Di Gennaro (panchina), Rossi (65 minuti di gioco) e Canotto (panchina)

Pareggio, invece. per il Cosenza dei tantissimi ex: Monaco (ammonito), Legittimo e Sciaudone (autore dell’assist del definitivo 1-1) trovano spazio nell’undici di Braglia; panchina per Bittante. Infortunati, invece,  Litteri e Schiavi. Il Livorno -prossimo avversario dei granata- di Roberto Breda e Fabio Mazzeo (subentrato a venti minuti dalla fine) muove la classifica anche se ha da rammaricarsi per aver sciupato il vantaggio nel finale. Infine. pareggio anche tra Trapani e Cremonese degli ex Palombi (in campo 90 minut), Soddimo (panchina) e Piccolo (terminata la squalifica).

GIRONE C. Perde il Rieti di Alberto Mariani (quinta sconfitta nelle ultime sei gare). 2-0 del Catanzaro di Giuseppe Statella (infortunato) mentre ha recuperato per la panchina Marius Adamonis sulla compagine amarantoceleste: tra le fila dei laziali hanno giocato dal primo minuto Mirko Esposito, Enrico Zampa e Antonio Granata. Sono rimasti in panchina Lazzari, Sette, Marino, Arcaleni, Poddie, Bartolotta e Del Regno. La Casertana di Ciro Ginestra impatta a reti inviolate sul campo del Bisceglie: Antonio Zito ha giocato l’intero match senza lasciare il segno nel tabellino.

Pirotecnico successo della Paganese sul Rende (5-1): per gli azzurrostellati in campo Mariano Stendardo, Danilo Gaeta (ammonito, esce al settantunesimo) e Francesco Scarpa (uscito anch’egli al settantunesimo). Rimangono in panchina Antonino Musso e Caetano Calil. L’Avellino di Ignoffo perde il secondo match consecutivo in casa: al Partenio vince la Virtus Francavilla, tra le cui fila milita Andrea Bovo che ha scontato l’ultimo turno di squalifica dopo l’espulsione rimediata a Pagani. Sconfitta rotonda anche per la Cavese che perde 4-0 contro il Catania. Nunzio Di Roberto si disimpegna da seconda punta (esce al cinquantaseiesimo) e gioca titolare come Favasuli (esce al sessantunesimo) mentre Russotto subentra dalla panchina dopo l’intervallo. Per gli etnei giocano regolarmente titolari Andrea Mazzarani (sostituito al sessantasettesimo) e Giuseppe Rizzo (esce al sessantaseiesimo) mentre Giovanni Marchese è stato inserito fuori rosa.

Quasi colpo grosso del Monopoli di Ettore Mendicino (indisponibile) sul campo del Bari. Il derby pugliese termina 1-1. Il salernitano doc Giuseppe Fella è rimasto in panchina; tra le fila dei biancorossi identico destino anche per Samuele Neglia. Punteggio simile anche in Umbria tra Ternana e Reggina. Tra le fila dei rossoverdi hanno giocato dal primo minuto Anthony Iannarilli, Carlo Mammarella e Antonio Palumbo (il centrocampista è uscito al settantacinquesimo), tra le fila degli amaranto manciata di minuti per Nicola Bellomo.  La Viterbese del sorprendente Mamadou Tounkara (infortunato) trova un prezioso pari a Teramo. Nel finale di gara ha fatto il suo ingresso in campo Oliver Urso. Infine, panchina per Altobello, la “sua” Vibonese allenata da Giacomo Modica riesce a superare il Picerno (3-1). A bocca asciutta il Potenza di Manuel Ricci e Augustin Vuletich (reduce dal goal all’esordio con la compagine lucana): i rossoblu impattano 0-0 con la Sicula Leonzio.

Nel Girone B successo esterno del Fano sul campo della Feralpi Salò: non fortunato il debutto dal primo minuto di Daniele Altobelli che è costretto a chiedere il cambio dopo 37 minuti. La società lombarda, dopo questo scivolone, ha esonerato il tecnico Zenoni. Panchina per Luca Liverani. Pareggio tra Sambenedettese e Modena: tra le fila dei marchigiani giocano titolari Carillo, Cernigoi e Orlando (Volpicelli dà il cambio all’esterno pugliese nella ripresa). Indisponibile Garofalo mentre l’inossidabile Armando Perna (38 anni) guida la difesa degli emiliani.

Affermazione casalinga per il Piacenza di Manuel Giandonato (rimane in panchina) e Alessio Sestu (gioca l’intera partita) che supera per 3-1 il Ravenna. La Triestina di Leonardo Gatto (subentrato nel finale) e Mauro Milanese (quest’ultimo nella veste di amministratore unico degli alabardati) chiude agevolmente la pratica Arzignano (3-0).  Nel big-match di giornata successo per il Padova sul Cesena. Tra le fila dei veneti ancora out per infortunio Denilson Gabionetta mentre Ronaldo è protagonista di una grande prestazione (mezzora, invece, per Luca Castiglia). in casa bianconera Domenico Franco guadagna l’ammonizione (sostituito nel quarto d’ora).

Nel girone A la capolista Monza, formazione lombarda in cui milita Michele Franco (settantacinque minuti di gioco per l’ex terzino granata), perde la prima gara della stagione contro il Siena.  Successo esterno per il Novara di Andrea Sbraga sul campo del Gozzano; mentre trova il goal Riccardo Colombo nel successo casalingo della Pro Patria sulla Pianese (2-0). Settantacinque minuti in campo per Cristian Angelli con la Pergolettese (sconfitta 1-2 dal Lecco); pareggio, invece, per l’Arezzo di Alessio Luciani, regolarmente in campo per tutti i novanta minuti contro il Como. Giocano nel pomeriggio l’Alessandria di Umberto Eusepi contro la Giana Erminio e la Carrarese di Michele Murolo e Giuseppe Caccavallo.

PRIMAVERA – Supera il turno la Primavera della Salernitana, lo fa anche quella biancoceleste guidata da Leonardo Menichini e in cui gioca Joseph Minala, reduce da un goal nello scorso week-end. Il centrocampista camerunese, però, non ha partecipato alla trasferta vincente di Trapani.

fonte foto: Pagina Facebook Pro Patria

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News