Connect with us

News

Salernitana-Pescara, gara speciale per cinque. Tanti intrecci di mercato negli ultimi anni tra le due società

Salernitana-Pescara apre il campionato cadetto 2019/2020 di entrambe le squadre. Sarà una sfida speciale non solo per i quasi ottomila che assisteranno al match allo stadio Arechi (fischio d’inizio ore 18), ma anche per cinque tesserati che hanno che si ritroveranno ad affrontare il proprio passato.

SPONDA GRANATA. Sono tre gli ex Pescara, attualmente tesserati con la Salernitana. Due fanno parte dello staff del tecnico Gian Piero Ventura: si tratta di Tiziano De Patre, attuale vice dell’ex CT azzurro, nonché ex calciatore del Pescara in due periodi diversi (1994/95 e 2000/02). Per lui sarà un derby, essendo abruzzese di Notaresco, nel teramano. Anche Beppe Zinetti – altro componente dello staff tecnico della Salernitana, è il preparatore dei portieri – è una vecchia conoscenza degli sportivi pescaresi: ha difeso i pali dei biancazzurri per tre anni, dal 1987 al 1990.

Tra le fila della rosa granata anche Emanuele Calaiò ha condiviso un’esperienza al Pescara: due anni (dal gennaio 2003 al gennaio 2005) in cui l’arciere ha realizzato in 76 presenze ben 30 reti, ottenendo finanche la promozione dalla C alla B con la compagine abruzzese.

SPONDA BIANCAZZURRA. Sono due, invece, gli ex granata attualmente tesserati con il Pescara. Si tratta di Gennaro Scognamiglio (cresciuto nelle giovanili granata) che salterà la sfida dell’Arechi per squalifica e Massimiliano Busellato (stagione 2016-2017, 25 presenze e 2 reti), protagonista anche di alcune recenti dichiarazioni in cui esulterà in caso di goal segnato quest’oggi.

I destini di Salernitana e Pescara si sono spesso incrociati in questi anni di calciomercato: da Ledian Memushaj, pallino della dirigenza granata da tante sessioni di mercato a Lamin Jallow, giocatore ricercato dagli abruzzesi nello scorso gennaio fino a Luciano Crecco, calciatore in passato accostato spesso alla formazione campana. L’ultimo intreccio di mercato è Grigoris Kastanos sbarcato al Delfino, con Ventura che ha dovuto mordere il freno, preferendo al posto del cipriota l’arrivo del polacco Dziczek.

(fonte foto: web)

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News