Connect with us

News

Sabatini e gli amici rossoneri: domani ritroverà l’allievo Massara

“Al Milan ho molti amici ma spero di fargli del male. È una partita difficilissima, ma non abbiamo perso in partenza”. Durante la conferenza di presentazione di Davide Nicola Walter Sabatini ha già chiarito di voler mettere da parte i sentimentalismi, ma certamente nel prepartita saluterà il ds rossonero Frederic Massara, con il quale lo lega una lunga e solida amicizia.

Massara sulle orme di Walter

Fu infatti l’attuale ds granata a svezzare Massara nella carriera da dirigente dopo l’addio al calcio nel 2006. Fin da subito infatti l’ex attaccante si affiancò a Sabatini, nel luglio 2008, al Palermo per allestire la rosa. Merito anche suo quindi gli arrivi in Sicilia di Ilicic e Pastore. Massara seguì poi Sabatini anche nella capitale, nel 2011, diventando responsabile scouting della società giallorossa. Anche a Roma fu artefice di colpi del calibro di Pjanic, Dzeko, Marquinho, Allisson, Nainngollan e Salah. Con l’addio di Sabatini ci fu la promozione a direttore sportivo. Incarico che durò poco per seguire ancora Sabatini, divenuto nel frattempo coordinatore dell’area tecnica di Inter e Jiangsu Suning. Segno questo della grande stima che il ds granata nutre nei confronti di quello rossonero, come spiegato in una recente intervista: “La Roma ha sbagliato a lasciar partire una persona di grande cultura, educazione e impegno. Arrivava alle 7:30 e andava via a notte inoltrata, il club giallorosso ha commesso un errore. Massara è il Salah dei dirigenti”.

Dario Rossi, lo scopritore

Massara non è però l’unico amico rossonero di Sabatini. Nell’area scouting del Milan c’è infatti anche Dario Rossi, figlio dell’ex allenatore della Salernitana Delio, legato da grande amicizia con Sabatini; i due hanno lavorato insieme alla Lazio (dal 2005 al 2008) e al Palermo (dal 2009 al 2011). Come il padre anche il figlio è stato al fianco del dirigente della Salernitana, come scout sia a Palermo (dal 2009 al 2010) che in giallorosso (dal 2014 al 2016); esperienze condivise quindi anche con Massara. “Presi Ilicic grazie al figlio di Delio Rossi, Dario, che collaborava con me al Palermo e andò a visionarlo, tornando con tanto entusiasmo dopo averlo visto giocare”, svelò Sabatini tre anni fa in un’intervista.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News