Connect with us

News

Regolamento IFAB: dall’1 luglio novità su tocchi di mano e gol. E sul fuorigioco…

Le polemiche dopo il calcio di rigore non concesso in Salernitana-Spal per il tocco di mano di Sernicola si sono arenate con l’attenzione passata completamente sulla gara di Cremona. Ma nell’assemblea generale dell’Ifab tenutasi l’altroieri si è discusso proprio del tema dei falli di mano, non quelli da rigore ma quelli che capitano in occasione di gol. L’International Football Association Board ha varato una modifica al regolamento in questo senso che andrà in vigore dall’1 luglio. L’intenzione è quella di vedere più spettacolarità nelle partite.

La soluzione adottata è quella di punire il tocco di mano in caso di gol solo se questo ha portato direttamente alla rete: se il gol è stato segnato di mano o immediatamente dopo un tocco con l’arto proibito dello stesso giocatore, verrà annullato in ogni caso. Anche qualora il tocco non fosse punibile a termini di regolamento. Se invece il tocco di mano è di un giocatore diverso da quello a marcare la rete, il gol può essere confermato se non c’è stata irregolarità ovvero se il tocco è stato involontario o l’arto era in posizione naturale. Dal punto di vista della punibilità dei tocchi di mano invece non cambia nulla, o quasi. Quella dell’Ifab è stata più che altro una precisazione, necessaria a causa di vari fraintendimenti nelle letture. Nello specifico sarà fallo se il tocco è volontario o se il braccio amplia in maniera innaturale il volume del corpo. Il regolamento modificato potrà essere introdotto anche in anticipo rispetto a luglio per le competizioni che iniziano prima dell’1 giugno e finiscono dopo.

Sul tavolo sono finite poi anche altre proposte, come ad esempio la Var “light”, un espediente più leggero anche economicamente che possa essere applicato a tutti i livelli. L’idea è quella di ridurre sia il numero di arbitri in sala Var, sia il numero di telecamere puntate sul campo. Non sono state giudicate necessarie invece modifiche al tanto discusso protocollo per il suo utilizzo. Confermati fino alla fine del 2021 anche le cinque sostituzioni (fino a luglio 2022 per i tornei delle nazionali). La svolta potrebbe invece arrivare sul fuorigioco. È stata infatti palesata l’intenzione di sperimentare (forse dal 2023) un cambio netto alla regola: l’attaccante sarebbe considerato in gioco se almeno una parte del suo corpo è in linea con il penultimo difensore. Sempre riguardo al fuorigioco potrebbe arrivare presto un altra novità. Qui dal punto di vista della tecnologia, perché si sta studiando un sistema per tracciare in maniera continua la regolarità della posizione di tutti i giocatori in campo, sistema che è stato anche già testato durante l’ultimo Mondiale per club. In sintesi nel giro di qualche anno il calcio che conosciamo oggi potrebbe essere completamente rivoluzionato.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News