Connect with us

News

Prima per Gagliolo, torna Strandberg: Castori vuole ritrovare il suo bunker

Chi conosce Castori, sa bene quanto sia importante la tenuta difensiva nella sua filosofia di gioco. E di conseguenza quanto sia pesante il bilancio dei primi 180 minuti di massima serie, con 7 reti al passivo che fanno della Salernitana la seconda peggior difesa davanti al solo Spezia. Sull’impermeabilità difensiva i granata hanno costruito la promozione in A, visto che in Serie B Castori chiuse con la seconda migliore difesa (34 reti) meglio dell’Empoli capolista (35) e dietro al Monza (33).

Il salto di categoria, variabile che va tenuta inevitabilmente in considerazione, ha portato Belec e compagni a sfidare attaccanti di spessore internazionale e compagini di assoluto valore, ma questo non basta a spiegare la facilità con cui il Bologna è andato a segno “in fotocopia” all’esordio o il blackout contro la Roma.

L’arrivo di un pretoriano di Castori come Gagliolo, da questo punto di vista, ha l’obiettivo di ridare equilibrio e sicurezza ad un reparto cruciale per i destini della Salernitana. Ed infatti in questo lungo cammino di avvicinamento al match di Torino, Fabrizio Castori ha lavorato tantissimo sui meccanismi della retroguardia e sulle palle inattive. In Serie A ogni errore è punito, e nei momenti cruciali delle partite si è obbligati a sbagliare il meno possibile. Proprio Gagliolo dovrebbe giocare dal primo minuto come mancino del terzetto difensivo, al posto di uno Jaroszynski in forte dubbio e non apparso esente da colpe nelle prime due uscite.

Castori riabbraccia anche il norvegese Strandberg, che ha scontato contro la Roma il turno di squalifica e che si è ben comportato con la sua nazionale contro Olanda e Lettonia, restando a guardare poi nella morbida sfida con Gibilterra. Sul centro-destra, infine, il ballottaggio tra Gyomber e Bogdan pare destinato a concludersi a favore del difensore slovacco.

Gyomber-Strandberg-Gagliolo: è questo il blocco difensivo su cui Castori dovrebbe puntare per arrivare al primo clean-sheet in massima divisione, in casa di un Torino che finora ha trovato la via del gol in entrambe le sconfitte per 2-1 con Atalanta e Fiorentina.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News