Connect with us

News

Lotito, scivolone sul razzismo: “Quand’ero piccolo c’erano buu anche per quelli con pelle normale”

Una gaffe sul delicato tema del razzismo per Claudio Lotito quest’oggi, a margine del Consiglio Federale romano che ha ratificato, tra le altre cose, proprio l’adozione di nuovi modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire atti contrari ai principi di lealtà, correttezza e probità (clicca qui per leggere l’articolo). Il co-patron granata e presidente della Lazio, presente in rappresentanza dei club si Serie A, ha commentato gli episodi di razzismo (strettamente connesso con la misura approvata in consiglio, che tende a dire addio alla responsabilità oggettiva delle società in caso di insulti e cori razzisti adottati dai tifosi, nda), lasciandosi andare a uno scivolone verbale.

“Non sempre la vocazione ‘buu’ corrisponde effettivamente a un atto discriminatorio o razzista, ma andrebbe interpretato. Ricordo che quando ero piccolo, spesso a chi non era di colore, che aveva la pelle normale, bianca, gli facevano ‘buu’ per scoraggiarlo a segnare il gol davanti al portiere”, ha detto Lotito all’uscita dalla Federcalcio. Un aggettivo, quel “normale”, che non è passato inosservato e, nonostante il tentativo di correggersi immediato, ha generato una bufera sul web. Le frasi sono state infatti riportate dall’Ansa e da Repubblica, tra gli altri. “La Lazio ha tanti giocatori di colore e non penso che la società faccia distinzione del colore della pelle. I comportamenti della Lazio da questo punto di vista sono sotto gli occhi di tutti”, ha aggiunto Lotito. Una (evitabilissima) buccia di banana pestata in pieno dal comproprietario della Salernitana.

1 Commento

1 Commento

  1. lillo

    02/10/2019 at 08:58

    ha ragione lotito per favore non mettiamola sempre in politica .

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News