Connect with us

News

Il destino nelle tue mani: Salernitana, un doppio turno interno decisivo

Il countdown è cominciato e la Salernitana guarda con fiducia alle due partite interne di fila contro Venezia e Monza che potrebbero dire la verità sull’esito della stagione. Senza abbassare la guardia, chiaramente, però i granata saranno padroni del loro destino: cinque partite al termine della stagione regolare, di cui tre in casa (contro dirette concorrenti, mettendoci dentro anche un Empoli che sembra però ancora favorito per la prima posizione  finale e domani recupererà il match contro la Cremonese, in attesa del responso sul match non giocato contro il Chievo) e due in trasferta contro squadre – Pordenone e Pescara – che potrebbero avere poco da chiedere rispettivamente alla terzultima e all’ultima giornata. Ma il condizionale è d’obbligo e dipenderà dall’andamento delle prossime partite. In alto (con Empoli e Chievo che hanno due gare in meno e le gare in stampatello per indicare quelle casalinghe), il grafico con i calendari incrociati da qui alla fine.

Vietato fare tabelle nello spogliatoio, vietato rilassarsi. “Troppi complimenti rendono morbidi”, ha ammonito Castori in tal senso dopo la vittoria di Chiavari. Da osservatori della situazione però, dando per scontato che vincere contro lagunari e brianzoli sarebbe il top, si può sostenere che quattro punti nel computo delle due partite potrebbero essere un risultato più che soddisfacente per mettere un’ipoteca quantomeno sulla partecipazione ai playoff direttamente come semifinalista, saltando il turno preliminare (“privilegio” per la terza e la quarta classificata, che avrebbero poi il favore della miglior posizione in classifica per la qualificazione in finale in caso di parità al termine del doppio confronto). Insomma, niente calcoli, ma… auspici: un pareggio e una vittoria nelle prossime due partite consentirebbero di tenere a distanza Venezia e Monza (gli uomini di Brocchi, dopo Salerno, avranno il temibile Lecce in casa), di continuare a sperare ampiamente nella seconda piazza (a prescindere da cosa faranno i salentini nei prossimi due turni, attesi dalla trasferta di Vicenza e poi dalla gara casalinga contro il Cittadella) e soprattutto di accumulare un buon vantaggio anche sulla Spal, che in questo frangente è da considerare come l’outsider più pericolosa per terzo e quarto posto. La squadra del neo tecnico Rastelli ha espugnato il Via del Mare di Lecce con autorità, sembra essere in buona condizione ed ha una rosa di grande qualità. Per giunta, ha all’orizzonte un calendario tutt’altro che impossibile nelle ultime cinque giornate: Ascoli, Brescia, Frosinone, Reggiana e Cremonese le avversarie degli estensi.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News