Connect with us

News

Fimmanò a Radio Alfa: “Situazione diversa tra Udine e Venezia”

Il campionato entra nel vivo anche per la Salernitana. In più, il team di Nicola ha da recuperare potenzialmente due partite, quelle che si sarebbero dovute giocare rispettivamente a dicembre e gennaio contro Udinese e Venezia. Ma il quadro è tutt’altro che chiaro, dal momento che il Venezia  non ha rinunciato a ricorrere contro la decisione del Giudice Sportivo di far disputare la sfida dell’Arechi in programma lo scorso 6 gennaio (clicca qui saperne di più).

Nella serata di ieri l’avvocato Francesco Fimmanò, componente del pool legale Salernitana è intervenuto ai microfoni di Radio Alfa su questo tema: “Udinese e Venezia sono due situazioni diverse, ma le motivazioni della vicenda Udinese rendono molto complicato il lavoro del Venezia. Non ho da commentare alcunché, perché siamo abituati a difenderci nei processi e non dai processi. Poi, rispetto per tutti. Se questo comunicato è una risposta alle riflessioni del presidente Iervolino. Bisogna sempre augurarsi che lo spettacolo sia gradevole ai tifosi”.

Un passaggio anche sul match di gennaio scorso contro la Lazio: “La partita è stata una pantomima, quel giorno stesso era venuto fuori un nuovo regolamento in base al quale quella partita non si sarebbe giocata. Semplice capire lo spirito del presidente, come di qualsiasi persona che nel calcio ama le emozioni, come quelle che abbiamo messo in campo sabato scorso contro il Milan, a prescindere da interessi di parte. La partita contro la Lazio è stata una grande occasione persa per tutti, di grande calcio, di sport. Poi, dura lex sed lex si dice, noi infatti siamo regolarmente scesi in campo. Avevamo fatto il preannuncio di reclamo solo perché non sapevamo se entrava in vigore il nuovo regolamento durante quella giornata”.

Poi, sempre sullo stato dei procedimenti con Venezia e Udinese: “Prediamo atto delle motivazioni che apprenderemo in appello e che discuteremo anche in udienza. La novità rispetto al passato sono le motivazioni dell’Udinese, non so se arriverà al terzo grado del giudizio. L’Udinese si è resa immediatamente conto del fatto che in quel periodo storico per il calcio intero la soluzione migliore sarebbe stata quella di non far giocare nessuna partita”.

Verosimilmente ci sarà ancora da attendere per fissare i recuperi delle gare con l’ulteriore rischio di falsare un campionato già difficile per la compagine granata: “Fin quando non si passano tutti i gradi di giudizio possibili non ha senso fissare una partita che potrebbe essere annullata in una fase successiva. I tempi non dipendono dagli avvocati, ma dai codici e dai giudici. Questa è una partita che se si rigioca non lo si farà a marzo sicuramente”.

1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Fimmanò a Radio Alfa: 'Situazione diversa tra Udine e Venezia' - notizie.lazio.it

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News