Connect with us

News

Fabiani torna sul derby: “Fuochi d’artificio fini a sé stessi, Benevento non si aspettava Salernitana ostica”

“Speriamo che da qui a fine campionato gli episodi si compensino”. È l’augurio di Angelo Fabiani quando il girone di ritorno è ancora nella fase iniziale e la Salernitana vive un grande momento di forma: “Abbiamo sbagliato un paio di partite come quelle di Cittadella e Pisa ma abbiamo sempre fatto vedere un calcio più che accettabile, a volte siamo stati penalizzati nei punti, altrimenti ora staremmo parlando di altro” ha dichiarato il direttore sportivo granata ai microfoni di Radio Punto Nuovo nella settimana successiva al pareggio di Benevento: “Dispiace per le streghe, i fuochi d’artificio sono stati fini a sé stessi, forse non si aspettavano di affrontare una Salernitana ostica – potrebbe essere una stoccata a Oreste Vigorito, patron dei giallorossi che nel post partita non aveva lesinato dubbi sul gioco eccessivamente maschio (clicca qui per i dettagli) – Questo campionato si vive alla giornata, tutto può cambiare”.

Secondo Fabiani dunque tutto è ancora in discussione: “Il Benevento ha approfittato di un momento negativo delle altre squadre per prendere il largo. Per la retrocessione credo che per il Livorno sia dura recuperare ma per il resto è tutto ancora aperto. Quando dico che bisogna arrivare il prima possibile alla salvezza intendo dire che prima raggiungiamo la quota salvezza e prima possiamo ambire ad un traguardo più importante”. Lunedì sera all’Arechi arriva il Trapani: “Sarà una partita difficile, la squadra di Castori giocherà con undici uomini dietro la linea della palla. Ripeto, viviamo alla giornata e non facciamo previsioni azzardate”.

Sulla possibilità che Ventura torni a Torino in veste di direttore tecnico: “Conosco Gian Piero da trent’anni, un uomo che nasce quadro non muore tondo. Ventura nasce allenatore e non credo che possa trasformarsi in dirigente. La sua vita è il campo e lo sta facendo vedere anche a Salerno, ha ancora una voglia straordinaria, la ‘libidine’. Poi che escano notizie ci può stare, non mi meraviglierei se invece il Torino o un’altra squadra di Serie A lo chiamasse per allenare”. Infine un passaggio su Cerci: “Dipende da lui, se tornerà il giocatore che conosciamo potrà darci una grande mano. Bisogna però ricordare che la Salernitana sta raccogliendo punti senza di lui, chissà che nel girone di ritorno non possa essere il nostro valore aggiunto con Heurtaux”.

1 Commento

1 Commento

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News