Connect with us

News

Cicerelli, le motivazioni dell’ex: se fosse 4-4-2 tornerebbe titolare

Emmanuele Cicerelli è l’unico ex di turno della sfida di domani a Lignano Sabbiadoro contro il Pordenone. L’esterno granata, infatti, ha militato nelle file neroverdi per sei mesi nella seconda parte della stagione 2017/18, ceduto proprio dalla Salernitana in prestito alla compagine di patron Lovisa che all’epoca militava in Serie C. Il calciatore classe 1994 spera di esserci di nuovo spazio per lui dal primo minuto nella rotazione inevitabile in questo tour de force pazzesco, fatto di partite ogni tre giorni.

L’esperienza friulana di Cicerelli andò in scena allo stadio Bottecchia, il vecchio impianto di Pordenone che non è idoneo alla B. Da questa stagione, il club ha rinnovato – con l’aiuto dell’amministrazione locale – il piccolo stadio Teghil di Lignano Sabbiadoro (5mila spettatori la capienza) ed ospiterà lì la Salernitana. “Cice” scalpita, in un eventuale 4-4-2 potrebbe essere nuovamente considerato come ala di centrocampo. In ogni caso, troverà di fronte diversi suoi ex compagni di quell’esperienza breve ma comunque formativa, in cui collezionò 11 presenze (ma solo 2 da titolare): da Berrettoni, all’epoca calciatore e oggi direttore sportivo, a Ciurria, passando per Bassoli, Stefani, Zammarini e Misuraca. Vidi quel trasferimento solo come un piccolo intoppo, perchè volevo dimostrare che in granata potevo starci. Ero giovane, venivo dalla Serie C e feci fatica a farmi apprezzare dall’allenatore (all’epoca Colantuono, appena subentrato a Bollini che aveva dato 3 chances a Cicerelli in precedenza, ndr), per cui accettai Pordenone per l’opportunità di andare a giocare con continuità e per la voglia di fare il girone nord della C che non avevo mai fatto, ma mi sentivo ancora legato alla Salernitana”, ha detto qualche mese fa l’ex della Paganese ai microfoni ufficiali del club in una lunga intervista.

A distanza di tre anni, è maturato come calciatore dopo le esperienze a Foggia e con Gian Piero Ventura a Salerno. Finora in questa stagione con Castori ha totalizzato 2 gol in 28 presenze, anche se soltanto in 11 occasioni è sceso in campo dal primo minuto. A Pordenone, con le motivazioni dell’ex, “Cice” spera di farlo ancora una volta e di tornare a incidere. Ciò si verificherà soprattutto se il trainer decidesse di riproporre il 4-4-2 già visto a Chiavari, ad esempio, nell’ultima trasferta in ordine di tempo fatta dalla Salernitana, che esalterebbe le qualità del ragazzo pugliese.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News