Connect with us

News

Chievo fuori dalla coppa, Aglietti: “Avrei evitato i 120′, ora gestiamoci per sabato”

Il ChievoVerona attende la Salernitana con l’onta subita dell’eliminazione dalla Coppa Italia patita per mano del Catanzaro, compagine di Serie C. Non il massimo per affrontare una gara di campionato, peraltro dopo pochi giorni e con ben 120′ sul groppone. I calabresi hanno infatti espugnato il Bentegodi ieri solo ai calci di rigore. In precedenza, la gara era finita 1-1 (di De Luca il gol veneto) anche nell’extratime. La fatica potrebbe quindi farsi sentire sabato contro la Salernitana per i calciatori veneti.

“Abbiamo fatto un buon primo tempo, sempre col pallino del gioco in mano, Nella ripresa non siamo tornati in campo con lo stesso atteggiamento e la stessa voglia di giocare, abbiamo sbagliato tanto e perso un po’ la pazienza. Dopo il pareggio del Catanzaro abbiamo ripreso la partita in mano, complice anche la superiorità numerica (espulso Riggio del Catanzaro, ndr), collezionando tantissime palle gol senza buttarla dentro. Purtroppo è sempre lo stesso ritornello, è anche un po’ stancante dire le stesse cose, alla fine la differenza la fa la cattiveria e determinazione negli ultimi 20 metri”, le parole di Alfredo Aglietti, allenatore clivense, nella conferenza stampa dopopartita di ieri sera. “Non è solo un problema degli attaccanti, tanti altri calciatori hanno avuto occasioni per segnare, il Catanazaro si è difeso e per noi resta il rammarico. – aggiunge il trainer – Non abbiamo ancora una buona tenuta fisica, visto che non abbiamo fatto nemmeno un’amichevole, fare 120′ è una cosa che avrei evitato volentieri: per qualcuno che gioca meno può essere positivo, per altri no”. Il ChievoVerona, infatti, nelle settimane che hanno preceduto l’inizio del campionato (0-0 a Pescara all’esordio sabato) ha avuto problemi con alcuni tesserati contagiati dal Covid ed è stato costretto ad annullare alcune partite amichevoli già fissate, come per esempio quella col Padova. “Ora dobbiamo gestire bene le energie e recuperare per sabato, contro la Salernitana ci aspetta una sfida molto difficile. – continua Aglietti – L’impegno i ragazzi ce lo mettono sempre, danno il 100% di quello che hanno. Con il Catanzaro non sempre ci è riuscita qualche giocata, alla fine siamo arrivati a raschiare un po’ il fondo del barile. La nostra identità è ben precisa, i ragazzi mettono in pratica quel che chiedo, vogliamo fare cose nuova rispetto all’anno scorso ma ci vuole anche del tempo”.

Ieri sera in Coppa Italia il Chievo è sceso in campo con il 4-3-3. Tra i pali Seculin, linea difensiva composta da Pavlev, Illanes, Leverbe e Cotali; in mediana Morsay, capitan Obi e il nuovo acquisto Palmiero, vicino qualche settimana fa anche alla Salernitana nel maxi discorso imbastito con De Laurentiis per Tutino e altri elementi. In attacco Aglietti ha schierato Garritano, Fabbro e De Luca. Nel corso della partita sono subentrati i difensori Mogos e Rigione, i centrocampisti Zuelli e Pucciarelli e l’attaccante Grubac.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News