Connect with us

News

Caso Zarate-Lazio e presunti pagamenti in nero, Lotito nel mirino della Procura Federale

La Figc apre un’inchiesta su Claudio Lotito e i presunti pagamenti in nero all’ex calciatore della Lazio, Zarate. Dopo la bufera sulle dichiarazioni rilasciate nel corso di un’intervista a Repubblica (“Con la Lazio sono a un punto dalla Juventus e solo per Juve-Inter che vabbé, l’avete vista tutti”) che potrebbero costargli un deferimento, il co-patron granata e presidente del sodalizio biancoceleste è finito nel mirino della procura federale. Anche stavolta c’è di mezzo la Lazio, ma anche la trasmissione tv Le Iene che – tuttavia – non ha ancora mandato in onda il servizio che mostrerebbe come Lotito avrebbe corrisposto soldi in nero all’attaccante argentino. Avrebbe dovuto farlo ieri sera, dando delle anticipazioni. Poi, ha preferito fare un passo indietro per raccogliere anche la replica del massimo dirigente capitolino. In ogni caso, il servizio sarà proposto il 2 giugno, con o senza commenti di Lotito.

Secondo l’Ansa, il numero uno della procura federale, Giuseppe Chinè, ha deciso di aprire un’inchiesta dopo aver appreso delle anticipazioni de “Le Iene”, che hanno raccolto dichiarazioni di Luis Ruzzi, nel 2008 procuratore di Zarate, che avrebbe illustrato presunte irregolarità nelle modalità di pagamento dello stipendio del calciatore che prefigurerebbero violazioni fiscali. Secondo gli accusatori di Lotito, il presidente laziale avrebbe regolarmente pagato solo 7 dei 20 milioni concordati per il compenso al giocatore. La restante somma, sarebbe stata versata come commissione per la stipula del contratto alla holding londinese Pluriel Limited dell’agente Riccardo Petrucchi, che a sua volta avrebbe poi girato i soldi ad una società del fratello di Zarate, Sergio. In tal modo, secondo la denuncia dell’ex agente del giocatore, Lotito avrebbe evitato di pagare tasse su quella parte di stipendio. Oggi l’attaccante e l’agente rivendicherebbero oltre 3 milioni che la Pluriel non avrebbe mai versato loro.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News