Connect with us

News

Benevento, ds Foggia: “Volevo fortemente Tuia ma ho chiesto prima ai granata. Noi al completo”

La regina del mercato di Serie B finora è stata senza alcun dubbio il Benevento, grazie soprattutto al lavoro di un direttore sportivo che la piazza granata conosce benissimo. Si tratta di Pasquale Foggia, ex giocatore sia della Lazio che della Salernitana. “Stiamo facendo un buon lavoro – ha spiegato ieri ai microfoni di Radio Bussola 24 – Io sono il direttore sportivo ma ho una società importante alle spalle che mi fornisce i mezzi. Poi abbiamo uno staff tecnico di prim’ordine. Vogliamo fare una stagione importante”.

Il Benevento, come spesso lo sono le squadre retrocesse dalla Serie B, è una delle favorite per vincere il campionato, come appunto Verona e Crotone, ma per Foggia la competizione sarà molto più allargata: “Ci sono Verona e Crotone che sulla carta hanno un’ottima squadra e sono piazze storiche. Poi bisogna considerare la sorpresa di turno. Sono salite piazze importanti come Padova e Catania che hanno fatto calcio a grandi livelli. Sarà un campionato molto bello da vedere. Anche la Salernitana farà sicuramente il suo buon campionato. Io però sto seguendo solo il mio mercato che non mi toglie 24 ore al giorno ma quasi. Credo che in Serie B non sarà un testa a testa, ma ci sarà una lotta più ampia. Sono tante le squadre attrezzate per fare un campionato importante. Poi sulla carta si possono fare tanti conti ma la sentenza viene solo dal rettangolo verde“.

I sanniti sono riusciti a costruire la propria corazzata anche rimanendo nel rispetto delle regole economiche imposte dalla Serie B in un periodo in cui purtroppo molti club sono stati costretti a scomparire: “Ci dovrebbero essere controlli molto più approfonditi ma in partenza. Non è possibile ritrovarsi senza sapere quando si parte, società anche importanti della nostra storia che falliscono. Questo è un brutto momento del nostro calcio e spero finisca presto. Dobbiamo tornare ai vecchi livelli, quando il calcio italiano era un punto d’arrivo per i calciatori e un esempio per gli altri paesi. Abbiamo fatto un mercato faraonico fino a un certo punto, ma con una logica economica, entrando nei parametri della categoria. Vogliamo arrivare a fine mercato per essere a posto in tutto. Sprocati da noi? Vogliamo essere attenti al mercato fino all’ultimo giorno ed essere vigili, se c’è possibilità di prendere giocatori che possono farci fare miglioramenti. Ad oggi, però, credo che la squadra sia al completo“.

Tra i giocatori che hanno rimpolpato la rosa del Benevento anche Alessandro Tuia, che il diesse delle streghe conosce benissimo: “Ci ho giocato a Salerno e anche quando era nelle giovanili della Lazio e si aggregava con noi ogni tanto alla prima squadra, quindi lo conosco molto bene. Un giocatore che ho voluto fortemente ma, voglio precisarlo, solo dopo aver contattato la Salernitana perché mi sembrava corretto. Avendo saputo che non rientrava nelle loro idee mi sono permesso permesso di trattare con lui“.

Non è mai progredita invece la trattativa in senso inverso per portare il centrocampista Ledian Memushaj (poi andato al Pescara) a Salerno: “C’è stato un interessamento ma non siamo mai andati nello specifico anche per i costi dell’operazione che ormai si conoscevano”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News