Connect with us

News

Attacco dalle polveri bagnate e gerarchie poco chiare: l’analisi

“Abbiamo dato l’idea di poterla recuperare. Nel secondo tempo ho visto qualcosa di meglio, ma se non segni è difficile. Ci lavoriamo, il gol è importante”. Senza troppi giri di parole, Stefano Colantuono nell’immediato post-Samp ha fotografato la situazione dell’attacco della Salernitana. Che è il peggiore della Serie A, con sole 10 reti all’attivo fatte registrare. Inoltre, sono ormai 270 minuti che la Salernitana non spedisce un pallone alle spalle del portiere avversario.

Salernitana Sampdoria Djuric

Le cause

In primis vanno ricercate nelle qualità dei singoli e dell’intera squadra. Perchè se è vero che una difesa gruviera non dipende soltanto dai difensori, stesso dicasi anche per gli attacchi dalle polveri bagnate. La mancanza di qualità, di una mente pensante, sta avendo chiare ripercussioni anche sulla proposta offensiva della Salernitana, talvolta incapace di andare a far male nella metà campo opposta ed essere imprevedibile, proprio come accaduto ieri contro la Sampdoria. Un altro motivo è il continuo avvicendamento degli interpreti. Ad oggi, infatti, quando il campionato si avvia ormai verso il giro di boa, la squadra granata non ha ancora “eletto” una coppia titolare di attaccanti. L’unica certezza è rappresentata da Ribery alle spalle di un tandem che, poi, muta di settimana in settimana.

Salernitana Sampdoria Gondo

L’importanza di Bonazzoli

In questo contesto e tourbillon di attaccanti, chi ne sta pagando le conseguenze maggiori è Bonazzoli. Ancor più di Simy. L’ex Inter, di proprietà della Sampdoria, ieri si aspettava di scendere in campo dal primo minuto per dare un dispiacere alla squadra che non ha puntato su di lui ad inizio stagione. Invece, Colantuono ha scelto di affidarsi alla coppia Gondo-Djuric, con Bonazzoli visibilmente amareggiato e scuro in volto nel corso del riscaldamento pre-partita dei compagni. Quanto a Simy invece, che va ancora alla ricerca della forma migliore, anche Colantuono ieri ha continuato – giustamente – a tutelare il suo attaccante. “E’ un valore aggiunto, può capitare un momento no”. Il problema è che il momento no dura ormai dal suo arrivo a Salerno, certificato da numeri ma soprattutto prestazioni talvolta impietose che raccontano di una sola rete messa a segno fin qui, come i colleghi Gondo e Djuric. L’attaccante più prolifico è proprio Bonazzoli con 2 realizzazioni, rimasto a riposo ieri e smanioso, adesso, di ritornare finalmente nello starting eleven. Per non uscirne più.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News