Connect with us

Giovanili

Under 17, col Lecce arriva la prima vittoria per i granatini. Landi: “Vittoria fortunata, ma ci voleva”

Campionato Under 17 Serie A e B, Girone C – 5ª Giornata

Salernitana-Lecce 1-0

TABELLINO

SALERNTANA: Barone, Idioma, Fresa (30’ st Cusati), Froncillo, Giliberti, Perrone, Dommarco, Visconti, Palmieri (30’ st Panarese), Esposito (37’ st Imperiale), Accietto (16’ st Sorrettone). A disp. Pellecchia, Bruschi, Passaro, De Francesco, Capone. All. Landi.

LECCE: Cultraro, Tarantino, Scialanga, Calderoni, My Gabriele, Triarico, Lombardi (37’ De Maria), Vaentini (37’ st Cohen), Inguscio, Del Grande (10’ st Massarelli),  Mastore. A disp. De Luca, Bianco, Poleti, Schirone, Manca, Capodieci. All. Corsi.

Arbitro: Sig. Castellone di Napoli (Scala/Riccardo).

Marcatori: Accietto (S) al 19’ pt. Ammoniti: Accietto (S), Scialanga (L). Angoli: 4-4. Recupero: 1’ pt – 3’ st.

 

Si sblocca l’Under 17 granata, che trova la prima vittoria della stagione nella gara contro i pari età del Lecce, finita 1-0.

La Salernitana è premiata dalla qualità mostrata nel primo tempo, in cui sblocca il risultato al 19’ con Accietto, che conclude una bella azione iniziata da Visconti e rifinita da Palmieri. Commette però l’errore  di non sfruttare le altre occasioni avute per chiudere la partita e perciò soffre nel secondo tempo.

Infatti nella seconda metà di gara il Lecce mette spesso paura alla Salernitana prendendo sempre più piede in campo. Al 10’ è aiutato dal colpo di testa all’indietro un pizzico corto di Giliberti su cui si fionda Inguscio che però non dosa il pallonetto nell’allungo per anticipare il portiere.

L’occasione più clamorosa per il pareggio è la punizione battuta al 20’ da Scialanga che mira al palo del portiere e lo centra in pieno. Per i padroni di casa brivido anche al 40’ quando Inguscio penetra in aria con una serie di palleggi, ma Cusati in qualche modo riesce a costringerlo a tentare il tiro da posizione defilata e il portiere può respingere anche se con un po’ di affanno. Nel recupero il Lecce prova il tutto per tutto, ma non riesce a insidiare oltre la Salernitana, che anzi ha l’ultima palla gol del match con Dommarco che potrebbe approfittare due volte del portiere fuori dai pali, ma la prima volta lo centra in pieno e la seconda manca la porta di qualche centimetro. Il risultato perciò rimane quello di 1-0 fino al triplice fischio.

 

Mister Landi quindi può tirare un sospiro di sollievo a fine gara: “È stata una partita dai due volti. Nel primo tempo abbiamo iniziato come avevamo fatto col Napoli, facendo vedere una squadra ordinata e pimpante, mettendo in chiaro le cose dal punto di vista del gioco, abbiamo segnato, siamo andati più volte vicini al secondo gol rimanendo equilibrati e senza mai rischiare niente. Purtroppo nonostante avessi avvertito i ragazzi della pericolosità degli avversari, nella ripresa siamo entrati in campo senza la giusta cattiveria, non dal punto di vista agonistico ma da quello di voler continuare a giocare. Abbiamo arretrato il baricentro e non riuscivamo a giocare palla con le idee chiare, così loro hanno preso campo e devo dire con onestà che avrebbero anche meritato il pareggio. Nelle prime partite noi siamo stati sfortunati, oggi siamo stati fortunati nel secondo tempo e ci vuole anche questo per fare risultato. Comunque ora vogliamo goderci questa vittoria, è la prima e ci voleva, per tutti, ci darà morale per ripartire dalle cose buone fatte vedere oggi e per limare quelle che non mi sono piaciute”.

E i ragazzi possono anche sbloccarsi mentalmente: “Già nelle prime due gare meritavamo di più, a Napoli abbiamo fatto una prestazione importante e ottenuto un pareggio altrettanto importante, insomma abbiamo cercato in tutti i modi di portarci a casa questi tre punti e oggi è stato forse ancora più bello farlo proprio perché arrivati con sofferenza. Sofferenza derivata anche da un po’ di paura di fare finalmente risultato pieno. Nel momento di difficoltà ci hanno aiutato un po’ anche i cambi, chi è entrato lo ha fatto bene. Anche loro sono cresciuti con i cambi, sono entrati giocatori con qualità e attaccavano con tanti uomini, cercando giustamente di riprendere la partita e come ho già detto l’avrebbero anche meritato. Noi invece non siamo stati bravi a giocare con la stessa personalità del primo tempo e anche a non chiuderla quando avremmo potuto, ma siamo stati fortunati e questo ci aiuterà a lavorare meglio”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in Giovanili