Connect with us

News

Umiltà Ventura: «Non darei tanta enfasi ai risultati. Cerci è uno Swarovski, si sta allenando alla grande». E sulle favorite del torneo cadetto…

ventura

Oltre due mesi di lavoro sulla panchina della Salernitana per Gian Piero Ventura. Il tecnico ligure traccia un bilancio sulle colonne dell’edizione odierna del Mattino. Ad ora i granata guardano tutti dall’alto verso il basso, ma il navigato allenatore smorza gli entusiasmi: «Non darei tanta enfasi ai primi due risultati: le note positive sono altre. I risultati non arrivano certo per caso, ma abbiamo creato un grande gruppo. I giocatori mi hanno dato il massimo della disponibilità e questa è stata una piacevolissima sorpresa. Provo affetto nei confronti di questo gruppo, perché i miei ragazzi sono andati oltre da ogni punto di vista. Li vedo negli allenamenti: non ce la facevano, ma volevano continuare. Una cosa più unica che rara».

L’ex CT della Nazionale, dunque, riparte da Salerno dopo un biennio certamente poco positivo: «Sono venuto senza nemmeno aver ben chiaro cosa ci fosse dall’anno scorso. Sono venuto con l’entusiasmo di un bambino. Merito di? Mezzaroma, il direttore Fabiani, ma soprattutto di Lotito, ovviamente. È un vecchio amico e mi ha chiamato chiedendomi una mano per ricostruire. A me i progetti, quelli belli, piacciono. E allora ho detto subito sì. Poi ero a casa da 6 mesi, il calcio è la mia vita e allora mi sono detto: Ma sì, vado in campo».

Ventura tesse le lodi del gruppo, ma anche del singolo. In special modo si sofferma sulla mentalità mostrata da Alessio Cerci in allenamento: «Quando sono arrivato forse non sapevano nemmeno come si scrivesse la parola libidine, ma ora gli sta nascendo. Cerci? È un caso a parte. Era stanco di esperienze poco positive e voleva dimostrare di essere ancora un giocatore di calcio. Le sue motivazioni mi sono piaciute e l’ho ritrovato con estremo piacere. Sta lavorando tantissimo, forse come mai prima d’ora. Con la testa è già molto avanti. È uno swarovski: brilla se lo lucidi, se no si rompe».

Dopo la sosta c’è il derby con il Benevento. Sarà un’importante banco di prova: «Le due vittorie hanno creato i presupposti per vedere l’Arechi più pieno e questo è il mio successo più grande. Il tifoso ama, e quando soffre per salvarsi si distacca. Appena gli ridai la possibilità, ritorna subito. Da avversario avevo ricordi incredibili dell’Arechi, del suo calore, dell’affetto e dell’attaccamento a questi colori. Ecco: io vorrei far tornare questo prima di tutto».

Sulle favorite del torneo: «La Salernitana (ride). È una battuta, perché è presto per dirlo. Empoli, Benevento e Cremonese hanno un organico superiore. Poi ci sono squadre che mi incuriosiscono dal punto di vista delle idee come lo Spezia».

Non ci sarà modo di ammirare il 4-2-4 a Salerno: «Lo avrei voluto riproporre anche qui perché è più divertente: per me, per i calciatori e per i tifosi. Ma avrei dovuto schierare troppi giocatori fuori ruolo».

(l’intervista completa è sull’edizione odierna del Mattino)

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News