Connect with us

Serie B

Serie B, si riparte. Da Benevento a Pordenone tutti contenti: “Importante giocare per il paese intero”

L’annuncio era atteso, poi Balata ha sciolto le riserve: si parte il 20 giugno, la Serie B torna a giocare. Il campionato cadetto riparte, per la gioia di (quasi) tutti gli addetti ai lavori. Il presidente della Salernitana Marco Mezzaroma esulta e sogna la Serie A (clicca qui per leggere l’articolo), anche i suoi colleghi sono felici di poter riprendere a giocare. A cominciare dal presidente del Pescara Sebastiani: “Sono soddisfatto, d’altronde è quello che volevamo tutti – ha detto il numero uno dei delfini – La ripresa del campionato elimina tutta una serie di problematiche che sarebbero emerse se ci fosse stato lo stop definitivo o un cambio di formula. Piuttosto speriamo di ripartire e finire in tranquillità, significherebbe che i verdetti potrà darli il campo, come è giusto che sia nello sport”.

Sono sulla stessa lunghezza d’onda quasi tutte le reazioni dei protagonisti della B. Chi invece resta cauto è Stefano Marchetti, dg del Cittadella:Cerco di vedere le cose in maniera serena, ma anche con le orecchie dritte considerato che dobbiamo affrontare dieci partite difficilissime in una situazione che non è anomala, ma lo è di più, visto che saranno anche gare a porte chiuse. Non è la normalità. In meno di un mese dobbiamo ritrovare la condizione fisica e le geometrie perché il nostro è un gioco d’orchestra, e ci dobbiamo allenare in un certo modo. Ciò significa che dobbiamo riprendere il ritmo e la sintonia che avevamo prima della sospensione, e questo non è scontato”.

Per Giancarlo Migliorini, dg del Pordenone, la ripartenza è un successo perché “lo abbiamo sempre voluto. Credo sia una bella notizia per tutto il calcio italiano”. Gli fa eco Giuseppe Corrado, presidente del Pisa e probabile primo avversario della Salernitana: “La decisione sulla ripartenza del calcio in Italia, significa non essersi arresi ed avere ancora la forza e la voglia di continuare ad onorare le regole dello sport e pensare a chi lavora in questo mondo”.

Pulcinelli, patron dell’Ascoli, guarda già al campionato:Felice di tornare in campo. Il nostro team sarà pronto per questo nuovo mini-campionato. Approfitto per fare un grande in bocca al lupo al nostro mister Abascal che ha già vinto il campionato di Primavera 2”.  Angelozzi, dg dello Spezia, si mostra soddisfatto: “Era quello che ci attendevamo e siamo felici di poter riprendere il campionato. Adesso testa bassa e lavorare per arrivare al top al nuovo inizio”.

Ma a esultare è naturalmente la Strega, il Benevento adesso può vincere il campionato di B sul campo. Pasquale Foggia gongola: “Per noi è come rinascere. Finalmente vediamo la luce dopo tre mesi di stop. E’ un segno importante per noi e per il Paese intero, perché il calcio è un fenomeno sociale. Finora si è parlato solo di classifiche da cristallizzare e di interessi economici. La passione della gente era passata in secondo piano. Dobbiamo essere per forza contenti che si ricominci a parlare di calcio giocato. Per il 20 giugno la squadra sarà pronta da un punto di vista mentale e fisico. Abbiamo quasi un mese pieno per rimetterci in carreggiata, ce la faremo. Siamo pronti per andarci a riprendere la A sul campo, che è la cosa a cui teniamo di più”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Serie B