Connect with us

News

Salernitana, l’ultimo weekend prima della nuova era: sarà cessione del 100%

Quando mancano meno di due settimane alla “deadline” del 25 giugno, si registrano notevoli passi avanti verso la risoluzione del nodo “multiproprietà” in casa Salernitana. Quello che è appena iniziato sarà con tutta probabilità l’ultimo weekend di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma nei panni di co-patron del club granata, a quasi 10 anni esatti dal loro approdo in città. La prossima settimana sarà quella decisiva per il passaggio di consegne, una cessione che riguarderà il 100% delle quote azionarie. Pare quindi tramontata l’ipotesi che vedeva la permanenza di Marco Mezzaroma come socio minoritario senza potere di controllo per restare nell’interpretazione letterale dell’art.16-bis NOIF.

All’orizzonte si staglia una nuova proprietà che rileverà una compagine già sicura del pass per la massima serie, con un allenatore “fuoriclasse” ed artefice dell’impresa promozione ed un parco giocatori su cui gettare le basi per una salvezza mai riuscita nella storia granata. Tutto un altro contesto rispetto al campionato di Eccellenza che il Salerno Calcio (senza denominazione e marchi distintivi) avrebbe dovuto affrontare nel 2011 con un organigramma societario e tecnico tutto da ricostruire.

Questa volta non ci sono solo rumors. C’è la prima nota ufficiale del club dopo la promozione, in cui si predica prudenza e si rimanda a nuove comunicazione nei modi e nei tempi opportuni: “L’U.S. Salernitana 1919 comunica di aver affidato a professionisti del settore l’incarico di gestire la cessione delle quote societarie. Tali trattative sono pertanto coperte dal segreto professionale e ogni comunicazione sarà fatta nei modi e nei tempi debiti”.

I professionisti a cui fa riferimento il club sono quelli dello Studio Chiomenti a Roma, che deve comprimere in pochi giorni una serie di valutazioni, analisi e adempimenti che richiedono tempi più lunghi. Pensare ad una cessione a ridosso del gong è utopia, perché prima della fumata bianca definitiva servono autorizzazioni, ratifiche e “timbri” di organi esterni che devono arrivare entro la scadenza del 25 giugno.

Di certo è difficile tenere chiuso il coperchio di una piazza che ribolle come una pentola a pressione, smaniosa di conoscere il nome e la solidità dei futuri proprietari, legati a doppio filo alle aspettative di mercato in sede di allestimento dell’organico e agli scenari futuri.

Claudio Lotito ieri è stato chiaro. Come si legge dalle colonne del quotidiano “Il Mattino”,  il co-patron ha rassicurato la tifoseria: “I tifosi stiano tranquilli, lavoriamo giorno e notte, non chiediamo cifre fuori mercato”.

Un messaggio mirato, chiaro e indirizzato alla fetta di salernitani scettici e spaventati dall’idea che un prezzo troppo alto ed il poco tempo a disposizione possano risultare ostacoli troppo grandi verso la cessione del club, con le conseguenze di cui nessuno in città vuole sentire parlare.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News