Connect with us

News

Nove i precedenti con i blucerchiati al Ferraris: unica gioia targata Di Michele

Quello di sabato pomeriggio sarà il decimo incrocio tra Sampdoria Salernitana al ‘Ferraris’ di Genova. Sarà la terza sfida in Serie A, la seconda nel giro di un anno e mezzo dopo quella in Coppa Italia del 27 ottobre 2020. Il bilancio è di otto successi blucerchiati ed una sola vittoria granata. La prima sfida in in terra ligure risale al 9 maggio del ’48: la Salernitana, in cerca di punti utili alla causa salvezza, impatta rovinosamente al Ferraris. La formazione di Gipo Viani non riesce a dare continuità alla bella vittoria della settimana precedente (5-0 sulla Pro Patria) perdendo per 6 reti a 3 contro in terra blucerchiata: a segno per i granata Rossi e Merlin, i quali nella prima frazione avevano dato flebili speranze di rimonta (3-2 all’intervallo) e il salernitano Elio Onorato (che qualche mese più tardi approderà al Milan di Gunnar Nordahl). Il triplice fischio manderà poi agli archivi la partita con una sconfitta che non rese giusto merito alla prestazione di Margiotta e soci.

Bisognerà poi attendere circa due decenni per rivedere contro le due compagini al Ferraris. La Salernitana, di ritorno in B dopo un lungo purgatorio, sfiderà i blucerchiati sia in Coppa che in campionato, con il medesimo risultato (1-0 in favore dei liguri). La sfida nella rassegna tricolore sarà decisa dall’unica rete in maglia blucerchiata di Luciano Rigato al 16′, mentre nel campionato regolare sarà Giancarlo Salvi il match-winner della gara.

Altro giro, altra corsa: la Salernitana, tornata in serie A dopo la magnifica cavalcata della stagione precedente, arriva al Marassi in cerca del primo blitz esterno nel massimo campionato. La formazione di Delio Rossi, coinvolta nella lotta per non retrocedere, arriva a Genova con la voglia di stupire. Luciano Spalletti dà fiducia a Ortega: il numero 10, al 5′ della ripresa, guadagna la massima punizione dopo un fallo di Del Grosso. Il sudamericano dal dischetto beffa Balli, indirizzando la sfera centrale sotto le gambe del pipelet granata. Quindici minuti dopo Saliou Lassissi si fa espellere per fallo su Giacomo Tedesco, lasciando i suoi in 10 uomini. La Salernitana alza i ritmi ma non troverà mai la rete del pari, mandando agli archivi la sfida per 1-0.

Il successo non basterà alla squadra ligure per mantenere la categoria, così l’anno dopo blucerchiati e granata sono nuovamente contro nel campionato cadetto: a Genova però stavolta la storia andrà diversamente. La Salernitana del ritrovato Luigi Cagni arriva al Marassi dopo la debacle nel derby contro il Savoia, mentre la Doria di Gian Piero Ventura, in cerca di punti preziosi in ottica promozione, prepara la partita dopo la sconfitta del Bentegodi contro il Chievo e quella, più rumorosa, nella stracittadina con il Genoa.

La formazione granata, rinvigorita dal ritorno di Luigi Cagni in panchina, sfrutta le sue armi migliori: prova maiuscola di Di Michele, imprendibile per la retroguardia blucerchiata, assistito da Ighli Vannucchi in avanti. La Salernitana passa al 5′ con un rigore procurato (e segnato) dal numero 10 granata, giù in area su fallo di Castellini. Pochi minuti dopo lo stesso Di Michele lancia Rossi che mette in mezzo per Vannucchi: stop di petto e conclusione imparabile per Sereni. Il numero 10 granata è una furia e qualche minuto dopo spiazza il pipelet ligure con un esterno destro imprendibile, per il parziale 3-0 granata. La Salernitana si culla e la Samp sale in cattedra: Dionigi e Casale provano a riequilibrare le sorti della gara, ma Vannucchi, nuovamente dagli undici metri, fissa il risultato sul 4-2.

Granata e blucerchiati mandano agli archivi la stagione e si presentano con rinnovate ambizioni ai nastri di partenza del campionato 2000/2001: sulla panchina della Samp va l’ex Cagni, che l’anno precedente aveva violato con la Salernitana l’impianto di via Giovanni de Prà. Questa volta il risultato arride all’undici genovese, che ha ragione della Salernitana per 2 a 0: le reti di Luiso e Lombardi nella seconda frazione di gioco. L’anno seguente la Salernitana battezza il suo cammino in campionato con una vittoria, all’Arechi, proprio contro la Samp, ma al Marassi l’undici di Gianfranco Bellotto, subentrato a Cagni, piega la Salernitana di Zeman: al gol iniziale di Vignaroli rispondono Bernini e Flachi, che fissano il finale sul 2-1 in chiave blucerchiata. Nel campionato 2002/2003 le compagini vivono emozioni differenti: la Samp, sulle ali dell’entusiasmo, ottiene il primo posto in classifica ex aequo con il Siena, mentre i granata chiudono la stagione all’ultima posizione e saranno ripescati dopo il turbolento Caso Catania. Al Marassi la sfida viene decisa, dopo pochi minuti di lancette, da un gol di Sergio Volpi. Il 27 ottobre del 2020, invece, l’ultima sfida: al ‘Ferraris’ i granata di Castori fecero visita alla squadra allenata da Ranieri nel terzo turno di Coppa Italia. La sfida di Marassi fu decisa da un gol di La Gumina al nono minuto del secondo tempo.

IL TABELLINO (SAMPDORIA-SALERNITANA 1-0)

SAMPDORIA (4-4-2): Letica; Rocha (48′ st Yoshida), Ferrari, Colley, Regini; Leris (31’st Jankto), Askildsen, Silva (19′ st Thorsby), Verre; La Gumina, Keita (20′ st Damsgaard). A disp. Audero, Ravaglia, Augello, Ekdal, Ramirez, Bereszynski, Quagliarella, Prelec. All. Ranieri

SALERNITANA (3-5-2): Belec; Karo (45′ st Aya), Gyombèr, Mantovani (28′ st Djuric); Casasola, Kupisz, Dziczek (20′ st Schiavone), Capezzi, Lopez; Antonucci (45′ st Tutino), Giannetti (28′ st Cicerelli). A disp. Adamonis, Guerrieri, Iannoni, Veseli, Barone, Baraye. All. Castori

Arbitro: Prontera di Bologna (Avalos/Rossi). IV: Di Graci di Como

Note: Marcatori: 9′ st La Gumina; Angoli 9-2; Ammoniti: Silva, Jankto (SAM), Dziczek, Djuric (SAL); Recupero: 1′ pt, 4′ st

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News