Connect with us

News

Nicola soddisfatto: “Pareggio giusto, sempre più innamorato di questo gruppo”

Davide Nicola elogia i suoi e sorride al punto conquistato. “Ci teniamo sempre a vincere, ho dato un calcio alla bottiglietta perché sono innamorato di questi ragazzi per l’abnegazione e per il calcio che propongono” ha dichiarato a fine gara il tecnico granata ai microfoni di Dazn, ribadendo il concetto anche su Instagram.Con le squadre di Gasperini devi essere sempre al top, affrontare Boga, Muriel e Zapata non era facile, ma i ragazzi non hanno avuto timore. Nei numeri il pareggio è giusto, avrei voluto vedere il secondo gol con le occasioni che abbiamo creato, ma sono contentissimo e pensiamo a giovedì” ha proseguito l’allenatore della Salernitana.

Nicola dopo il pari di Bergamo

“L’Atalanta ci aveva messo in difficoltà anche in altre situazioni prima del pareggio. Prendere il gol all’83 ti fa innervosire di più, ma è stata una partita bellissima. Che ci serva per farci capire che siamo competitivi e dobbiamo proseguire su questa strada. Abbiamo fatto un percorso di oltre due mesi, crescendo sotto tutti i punti di vista. Mi piace il lavoro che i ragazzi fanno tutti i giorni, hanno emozioni genuine e solo voglia di esprimere loro stessi. Questo mi fa piacere e mi rende orgoglioso di poterli allenare. Dovremo affrontare le prossime partite come stiamo facendo. Il nostro pubblico ci sta dimostrando un attaccamento incondizionato, abbiamo bisogno del loro amore per andare oltre le difficoltà. Sono contento perché anche questa sera ci hanno mostrato la loro vicinanza”.

Ai microfoni di Sky, il tecnico ha poi commentato il paragone con Stefano Pioli: “Qualcuno dice che siano etichette, ma il mio lavoro a volte mi porta a dover scegliere le situazioni in cui volermi misurare. Negli ultimi anni ho potuto scegliere, vuol dire che lavoro al massimo. Penso solo a poter godere di quello che faccio ed inseguire l’obiettivo. Non mi sento sminuito dall’essere considerato un motivatore. Arriveranno altri momenti nella carriera che mi porteranno situazioni diverse, l’importante è dimostrare le mie idee sul campo. I complimenti sono relativi, senza un ambiente dietro e l’applicazione dei giocatori l’allenatore ha poco valore. I ragazzi sono forti, hanno personalità e valori e questo mi fa impazzire. Non vedo similitudini con il percorso fatto a Crotone, sono squadre, periodi e situazioni diverse. Questa è un’avventura particolare, bisogna venire a Salerno per rendersi conto. I ragazzi hanno valori, servivano organizzazione ed idee. I nostri tifosi si stanno immedesimando, per noi il trasporto della gente è fondamentale. Io alleno per questo. Noi ci metteremo tutto, ma quando la gente crede in te nei momenti difficili tutto è possibile”.

In sala stampa, infine, Nicola ha fatto il punto sulle condizioni di alcuni acciaccati: “Ruggeri ha avuto crampi, valuteremo Ranieri, Ribery e Radovanovic. Per me è importante che tutti si sentano non solo partecipi ma, consapevoli che quando vengono chiamati in causa, anche solo per 20’, per un periodo decisivo, possono dimostrare lo stesso quanto fatto da chi ha giocato 10 partite”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News