Connect with us

News

Migliorini deluso: “Abbiamo perso e invece dovevamo vincere. L’arbitro? L’ho visto scontroso”

Quella di oggi contro la Cremonese non è stata una partita indimenticabile per Migliorini: copertura affannosa sulle punte grigiorosse, qualche errore di troppo (anche in impostazione) da evitare soprattutto quando il pallone è negli ultimi 25 metri di campo. Il difensore centrale della Salernitana sta tirando la carretta, sempre in campo per dodici partite senza possibilità di rifiatare. E la fatica si sente: Migliorini forse avrebbe bisogno di un po’ di riposo e gli effetti si vedono. Anche se oggi a far cadere la difesa è stata solo una decisione sciagurata dell’arbitro Marinelli: “Dispiace perché nel secondo tempo abbiamo avuto un approccio positivo, secondo me eravamo padroni del campo – ha detto Migliorini in sala stampa – Poi su un contropiede ci siamo fatti trovare scoperti. Non so se era fuorigioco, lo devo rivedere. I rigori? La mia sensazione è che l’arbitraggio è stato discutibile, ho visto un po’ scontroso l’arbitro. Non so perché non era sereno. Noi però analizziamo la prestazione, quelli rimangono episodi”.

E la prestazione per Migliorini è stata positiva: “Il nostro approccio era di una squadra che voleva giocare, purtroppo quando perdiamo palla siamo molto aperti e quindi predisposti ai contropiede. Nel secondo tempo invece abbiamo fatto meglio, la palla girava bene. Però qualche errore di troppo ci è costato caro. Analizzo la prestazione, il risultato è secondario. Soprattutto oggi dove a decidere la partita sono stati degli episodi. Però ho visto una Salernitana con personalità, capace di giocare il pallone in qualsiasi zona del campo. La Cremonese è una squadra di categoria ed esperienza, abbiamo concesso qualcosina ma non ho niente da dire alla mia squadra. Il nostro pensiero è crescere di settimana in settimana, ci rimane un po’ l’amaro in bocca per una sconfitta che doveva essere una vittoria. Dobbiamo analizzare partita dopo partita per poter parlare di crescita”. 

Terza sconfitta consecutiva fuori casa, all’orizzonte un nuovo viaggio a Castellammare. La Salernitana lontano dall’Arechi non sa più vincere: “Però se analizziamo le sconfitte sono tutte diverse. A Venezia potevamo chiuderla nella prima mezz’ora, a Pisa abbiamo avuto un approccio errato. Oggi abbiamo sudato la maglia e ci abbiamo provato fino alla fine. Ora abbiamo un’altra trasferta, il derby, cercheremo anche lì di giocare magari rischiando anche, non ci chiudiamo mai e vogliamo vincere sempre. Lo abbiamo visto col Benevento, la Juve Stabia è un avversario tosto e il manto erboso del Menti è un fattore. Poi lo stadio è un catino, loro aspettano la partita. Abbiamo avuto comunque un buon ruolino finora, non dimentichiamoci che siamo giovani e siamo ripartiti da zero. Siamo secondo me in crescita e saremo in corsa fino alla fine”. 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News