Connect with us

News

Mazzeo vs Giannetti, a Livorno è sfida nella sfida per gli attaccanti ex di turno

Un salernitano a Livorno, un senese – che il Livorno, l’anno scorso, lo ha salvato – a guidare l’attacco granata. La gara di domenica al Picchi vedrà una sfida nella sfida tra due ex di turno, Fabio Mazzeo e Niccolò Giannetti.

I due ritrovano le rispettive ex squadre con prospettive e motivazioni diverse. Giannetti, infatti, è reduce da una buona stagione proprio in amaranto, dove ha collezionato 25 presenze senza tuttavia essere riuscito a raggiungere la doppia cifra (lo score del 2018/19 è di 8 reti siglate). Anche grazie alle sue prestazioni, il team labronico è riuscito a raggiungere una insperata quanto meritata salvezza, tant’è vero che in estate Breda avrebbe voluto confermarlo a tutti i costi, prima dell’assalto della Salernitana. Quest’anno Giannetti spera di fare sicuramente meglio con l’ippocampo sotto il profilo individuale, cercando di ritagliarsi una maglia da titolare inamovibile. Discorso diverso, invece, per quanto riguarda Fabio Mazzeo. L’attaccante salernitano è in cerca di rilancio dopo la retrocessione con la maglia del Foggia nello scorso campionato: nell’ultimo torneo, è sceso in campo 33 volte, collezionando 5 gol e altrettanti assist.

I due attaccanti si presentano diversamente anche sotto il profilo delle caratteristiche di gioco. Giannetti non è dotato di un fisico da granatiere, mancanza che però compensa con un’ottima tecnica e grandi capacità di inserimento. A dispetto dell’altezza, l’attaccante ex Cagliari è stato inoltre autore anche di alcuni gol di pregevole fattura di testa in carriera. Completamente diverso il profilo di Mazzeo. Dotato di grande fisicità e duttilità tattica, l’ex Benevento è infatti capace di giocare sia da prima che da seconda punta, abbinando a ciò delle ottime doti balistiche sia con il destro che con il sinistro.

L’attaccante granata è reduce da un inizio di stagione sprint, con le due marcature contro il Catanzaro in Coppa Italia e quella contro il Pescara nella roboante vittoria all’esordio in campionato. Nelle ultime uscite, invece, il trend sembra essersi invertito, con il ventottenne toscano che pare al momento avere le polveri bagnate (un po’ come tutto l’attacco granata), alla ricerca di un gol che manca ormai da quattro turni. Mazzeo, invece, con 4 presenze e 198’ all’attivo, è ancora alla ricerca della prima gioia stagionale con la maglia del Livorno: a 36 anni, ha ancora tanta voglia di mettersi in gioco in Serie B.

Giannetti ritorna a Livorno, dove ha lasciato un buon ricordo, dopo la parentesi dello scorso anno, sperando di potersi prendere la soddisfazione del gol e, di conseguenza, le chiavi dell’attacco granata. Ne ha fatti due in altrettante gare di Serie B in cui si è trovato a giocare contro i labronici (nel 2015/16 con la maglia del Cagliari e l’anno precedente, quando militava nello Spezia, ma mai sul prato del Picchi). Mazzeo, dal canto suo, spera sicuramente di sbloccarsi anche in questa stagione e dare un contributo importante alla salvezza dei toscani: ha sfidato la Salernitana 13 volte, segnando 4 gol (tre quand’era al Perugia e uno due anni fa, da attaccante del Foggia, ndr) e domenica ci riproverà, al cospetto dei quei suoi ex tifosi che non è mai riuscito a riabbracciare nel corso della sua lunga carriera. Sembrava fatta, nel 2015. Eppure, sfumò.

 

A cura di Enrico Volpe

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News