Connect with us

Giovanili

L’Under 17 torna al successo contro il Crotone. Cerrato: “Non vincere sarebbe stato pesante”

TABELLINO Salernitana-Crotone 2-1 (Under 17)

SALERNITANA: Allocca, Langellotto, De Gennaro (41′ st Gallo), Celia, Fasano, La Rocca, Macrì (1′ st Mastrocinque), Nicoletti (21′ st Coppola), Cozzolino (41′ st Ianniello), Zerillo (12′ st Birra), De Filippo (21′ st Melella). A disp. Di Stanio, Castellano, Fusco. All. Cerrato.

CROTONE: Gentile, Mauriello, Lupinacci, Polimeni, Bianchi, D’Amora, Scandale, Caligiuri, Mautone (34′ st Valente), Aprile (31′ st Salvatore), Elia (27′ st Urso). A disp. Gattuso, Russo, Maheswaran, Procopio, Scarriglia. All. Corrado.

Arbitro: Sig. Criscuolo di Torre Annunziata (Vinciprova/Iezza).

Marcatori:  Nicoletti (S) al 37′ pt, Mautone (C) al 18′ st, Celia (S) al 38′ st. Ammoniti: Fasano (S), Lupinacci (C), Bianchi (C), De Filippo (S), Melella (S), La Rocca (S), Urso (C), Cerrato (All.)(S). Angoli: 6-3. Recupero: 0′ pt – 6′ st.

Dopo otto gare senza vittorie, la Salernitana Under 17 batte 2-1 i pari età del Crotone e torna così al successo tra le mura amiche del Volpe.
I granatini continuano sulla scia delle buone prestazioni offerte finora e iniziano bene la gara, tenendo in mano il pallino del gioco e cercando di sbloccare la gara. Ci riescono con un pizzico di fortuna al 37′, grazie a una punizione dal limite che Nicoletti tira rasoterra trovando una deviazione che manda fuori tempo il portiere Gentile. I padroni di casa vanno quindi al riposo in vantaggio. Poi riprendono molto bene anche nel secondo tempo, avendo al 1′ l’occasione di raddoppiare conquistando un calcio di rigore che però Nicoletti fallisce. Gli ospiti hanno quindi la possibilità di rientrare in partita e al 18′ ristabiliscono l’equilibrio grazie a Mautone, che ribadisce la palla in rete dopo la parata di Allocca su un tiro incrociato dall’angolo sinistro dell’area di rigore. I baby granata vedono i fantasmi di un’altra occasione fallita, ma reagiscono bene e al 38′ trovano nuovamente il vantaggio: su una punizione dalla trequarti Celia mette in mezzo un pallone molto tagliato, nessuno riesce a intervenire e la palla rimbalza in area piccola prima di insaccarsi direttamente in rete, sorprendendo il portiere rimasto fermo fino all’ultimo secondo in attesa di una deviazione. Stavolta la Salernitana gestisce bene il risultato e tiene contro l’ultimo assalto del Crotone, vincendo 2-1 al termine dei sei minuti di recupero concessi dall’arbitro.

Finalmente può gioire mister Cerrato, che si gode per la prima volta i tre punti in questo girone di ritorno: “Possiamo dire che abbiamo quasi dominato. Abbiamo approcciato molto bene la gara e nel primo tempo abbiamo sempre avuto il controllo della palla, rischiando poco. Anche nel secondo tempo siamo partiti forte, avendo il rigore per il 2-0, ma l’abbiamo sbagliato e questo inizia a essere un problema perché è il terzo penalty fallito, tra l’altro con tre rigoristi diversi. A quel punto abbiamo un po’ subito il contraccolpo psicologico e c’è stato il ritorno del Crotone che ha anche pareggiato. Però non ci siamo persi d’animo, abbiamo reagito e siamo riusciti a tornare in vantaggio e a vincere la partita. Era la terza partita in sette giorni, una settimana a livello fisico e mentale non facile, a cui i ragazzi non sono abituati. Abbiamo provato a ruotare quanti più ragazzi possibile, giocando anche con due classe 2006, Zerillo da titolare e Coppola dalla panchina. Giravamo da un po’ intorno alla vittoria, in queste cinque giornate del girone di ritorno abbiamo fatto ottime prestazioni, ma abbiamo raccolto solo 4 punti. Oggi non vincere sarebbe stato pesante, però c’è stata la voglia giusta e tornando alla regolarità continuiamo sulla buona strada che abbiamo intrapreso per crescere ancora“.
Dopo questo tour de force, più che insolito per i campionati giovanili, infatti ora la Salernitana tornerà ai ritmi normali, quelli a cui è abituata, ma si ripartirà con una gara d’eccezione, il derby in casa del Napoli: “Giocare tre partite in sette giorni non è semplice per dei ragazzi, che non sono affatto abituati a ritmi del genere come possono esserlo gli adulti nei campionati professionistici. Torneremo alla settimana tipo e ho dato un giorno di riposo in più proprio per smaltire i carichi di questa settimana molto dura. Ripartiamo col derby e la classifica dice che è una sfida quasi impossibile, ma noi spesso siamo riusciti a dare filo da torcere al Napoli negli ultimi anni, ottenendo anche qualche buon risultato come ad esempio nella gara di andata“.

 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Giovanili