Connect with us

News

LIVE. Consiglio concluso, ufficiale deroga fino al 25 giugno. Gravina: “Doppia proprietà deve cessare”

AGGIORNAMENTO ORE 16 – Parla in conferenza stampa al termine del Consiglio il presidente della FIGC Gabriele Gravina. Qui le parole del numero uno del calcio italiano.

 

AGGIORNAMENTO ORE 15.30È ufficiale la deroga che permetterà alla proprietà di trovare acquirenti per la Salernitana fino al 25 giugno prossimo. Tre giorni dopo scadrà il termine per presentare domanda di iscrizione al torneo. Lotito e Mezzaroma avranno quindi maggior tempo a disposizione per cedere l’ippocampo.

Tra le decisioni del Consiglio anche che la campagna trasferimenti estiva prenderà il via il 1 luglio e terminerà il 31 agosto, quella invernale comincierà il 3 gennaio e si chiuderà il 31 gennaio. Il Consiglio ha approvato poi il bilancio consuntivo 2020 e nominato gli organici del Tribunale Federale Nazionale, della Corte Sportiva d’Appello e della Corte Federale d’Appello.

AGGIORNAMENTO ORE 14 – Siamo in diretta, con il nostro inviato Alfonso Maria Avagliano, da Via Allegri sede della FIGC. Consiglio Federale da pochissimo conclusosi.

 

AGGIORNAMENTO ORE 13.55 – Spunta anche un aneddoto. Pare che nel corso del Consiglio, alla presenza di alcuni consiglieri, di Dal Pino e Balata, Gravina abbia consultato un verbale del Consiglio Federale tenutosi il 9 luglio 2013, in cui Claudio Lotito affermò che la deroga concessagli dalla FIGC per tenere la Salernitana dopo la promozione tra i professionisti era di buon senso e che consentiva al club di arrivare fino alla serie cadetta. Lo stesso co patron affermò, inoltre, di essere consapevole che alla promozione della Salernitana in massima serie sarebbe stato costretto a cedere il club entro i 30 giorni, nel rispetto delle norme.

AGGIORNAMENTO ORE 13.45 – A lasciare la sede FIGC è il presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino che, sollecitato dai nostri inviati sulla questione Salernitana, ha rimandato tutto nelle mani di Gravina che parlerà in conferenza tra circa un’ora. Ma arrivano le prime indiscrezioni, con una possibile deroga fino al 25 giugno per permettere alla attuale proprietà di trovare nuovi acquirenti per il cavalluccio. Superando questa deadline senza finalizzare la cessione, il club granata non verrebbe ammesso al campionato. A lasciare Via Allegri anche il presidente della Lega B Balata.

AGGIORNAMENTO ORE 11.25 – Consiglio Federale iniziato da circa 20′ con tutte le squadre collegate via web, presente fisicamente il solo Gravina. Alle 15.30 ci sarà la conferenza del presidente della FIGC. Verso le 15 potrebbero arrivare le prime importanti novità. La redazione di SalernitanaNews.it, presente a Via Allegri a Roma, vi aggiornerà in tempo reale con i suoi inviati.


Salernitana e multiproprietà un tema caldo, soprattutto da quando i granata si sono guadagnati la massima serie. E se ne parlerà oggi. È iniziato da pochi minuti il Consiglio Federale, rigorosamente in videoconferenza (non c’è Lotito, inibito), e tra i vari argomenti all’ordine del giorno ci sono la promozione in massima serie della Salernitana e la conseguente applicazione dell’art. 7 dello Statuto Federale e dell’art. 16 bis delle Noif. La norma è chiara. La Salernitana deve cambiare proprietà, vista la convivenza con la Lazio nel medesimo torneo; Lotito e Mezzaroma hanno 30 giorni per trovare un acquirente, il vincolo di parentela non permette al secondo di restare al timone societario. D’altronde il presidente FIGC Gravina è stato chiaro sul rispetto delle norme. I due co patron sono certi di poter risolvere il problema, tutelandosi però. Il club viene valutato 80 milioni, al momento la principale soluzione sembra rappresentata da una holding estera, con il dg Fabiani ad assicurare la continuità sportiva. Un altro problema sono i tempi. La deadline è l’11 giugno, ma la Salernitana potrebbe chiedere una deroga di dieci giorni, ovvero fino al 21 giugno, ultimo giorno utile per l’iscrizione al torneo di massima serie. Lo ha rivelato il legale societario Gentile a Il Mattino: “Non vedo segnali di apertura sull’allentamento della norma. Uno slittamento di dieci giorni sarebbe più plausibile, visto che i trenta giorni dell’articolo 16 bis scadrebbero l’11 giugno e la deadline dell’iscrizione è il 21. Mi sembrerebbe una soluzione comprensibile”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News