Connect with us

News

C. Federale ratifica la deroga per la cessione. Gravina: “Impossibile mantenere doppia proprietà”

Si sperava nella deroga e deroga è stata. Non di dieci giorni, bensì di quattordici. La deadline, per la cessione della Salernitana, sarà il 25 giugno, come ratificato dall’odierno Consiglio Federale della FIGC. Claudio Lotito e Marco Mezzaroma avranno quindi più tempo per trovare acquirenti seri e attendibili, per lasciare in buone mani il club granata. Il presidente della FIGC Gabriele Gravina è stato molto chiaro nella conferenza (in basso il video integrale), ribadendo la necessità di cessazione della multiproprietà: “Per quanto riguarda la promozione della Salernitana abbiamo ribadito ciò che è scritto nell’articolo 7 dello Statuto Federale, ma in maniera meno rigida. Abbiamo sancito la delibera che oggi notificheremo al presidente Lotito sull’impossibilità di mantenere la doppia proprietà di Lazio e Salernitana. I tempi dovrebbero partire dalla notifica e quindi oggi, non ci saranno sanzioni. Lotito avrà tempo fino a tre giorni prima dall’iscrizione al campionato per far decadere la doppia proprietà. Noi non intacchiamo la proprietà privata, ma ribadiamo un concetto già noto. La proprietà resta in campo agli stessi soggetti. Le condizioni sono note da tempo, dal Consiglio Federale del 9 luglio 2013. Le regole sono quelle dal principio e furono ribadite dallo stesso proprietario. Non credo si possa avviare procedure legali, quando si va in deroga straordinaria e c’è un principio, c’è poco da fare per invertire il rispetto delle regole. Noi non siamo la controparte della Salernitana, ma siamo semplicemente rispettosi dei principi e delle regole e tutti devono esserlo. La Salernitana si è guadagnata il diritto di partecipare alla Serie A, questo però dipende dal senso di responsabilità dei soggetti che devono permetterlo. In caso di mancata iscrizione la Salernitana non scompare dal panorama calcistico italiano. La non ammissione è un’ipotesi che non prendo in considerazione”.

Così recita il comunicato stampa della FIGC: “Al fine di garantire la regolarità del campionato, secondo quanto previsto dall’art. 7 (comma 8) dello Statuto federale e dall’art. 16 bis (commi 1 e 2) delle NOIF, il Consiglio Federale ha deliberato all’unanimità quale termine per porre fine al perdurare della posizione di controllo (diretto e/o indiretto) di due società professionistiche il 25 giugno, ovvero 3 giorni prima dalla scadenza per la presentazione della domanda di iscrizione al campionato”. Superando questa deadline senza cessione le conseguenze potrebbero essere catastrofiche, con la mancata ammissione del cavalluccio al torneo di massima serie.

Come filtrato nei giorni scorsi dal legale di fiducia di Claudio Lotito GianMichele Gentile, la speranza non era quella di un allentamento della norma, ma appunto di una deroga: “Uno slittamento di dieci giorni sarebbe più plausibile, visto che i trenta giorni dell’articolo 16 bis scadrebbero l’11 giugno e la deadline dell’iscrizione è il 21. Mi sembrerebbe una soluzione comprensibile”. Sarà proprio Gentile ad occuparsi della scrematura delle offerte economiche che perverrano per rilevare il club, il dg Fabiani potrebbe assicurare la continuità sportiva. Ora non resta che attendere.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News