Connect with us

News

Le punte sparano a salve: in 5 partite in gol solo Bocalon, nessuno in B peggio dei granata

Attaccanti con le polveri bagnate. La Salernitana ha un problema con il reparto offensivo: i timori di inizio stagione sono diventati veri e propri incubi dopo 5 partite di campionato. Gli attaccanti granata faticano a trovare la via del gol. Anche contro l’Ascoli, Djuric ha dato prova di non essere uno stoccatore d’area di rigore: ben vengano le spizzate e le sgomitate contro i difensori avversari, ma un attaccante deve vedere la porta e il bosniaco preferisce guardare altrove. Ieri Djuric ha fallito un gol clamoroso, la sua conclusione alle stelle su assist di Gigliotti, se avesse avuto differente esito, avrebbe potuto cambiare l’inerzia del match. E invece il pallone è finito in curva e poco dopo Djuric è stato sostituito a testa bassa. Un po’ meglio Vuletich che il gol lo avrebbe anche fatto, poi la bandierina del guardalinee ha annullato tutto. Anche l’argentino ha sprecato sotto porta, anche per El Doctor la carriera parla per lui: se in curriculum ci sono pochi gol, è lecito aspettarsi pochi gol.

L’unica punta in grado di andare in rete in queste prime cinque partite è stato Riccardo Bocalon. Il Doge è entrato e ha fatto l’1-1 a Lecce, poi però nelle altre partite non ha convinto. Lamin Jallow è stato devastante con il Padova con due assist,  però anche il gambiano difficilmente tira in porta. Infine ci sono Rosina che è ancora infortunato e il talentuoso ma mai considerato André Anderson. Sei attaccanti, un gol e troppi errori. La Salernitana in campionato segna (6 gol fatti, ottavo attacco del torneo) ma le punte sparano a salve.

In questo inizio di campionato di B nessuno ha fatto peggio degli avanti granata. Il Livorno ha fatto solo 2 gol, uno con Giannetti. Gli amaranto sono il peggior attacco con il Cosenza, ma le due reti dei calabresi sono state realizzate dalle punte Maniero e Tutino. Il Padova e l’Ascoli hanno trovato 3 reti, con i veneti a segno con Clemenza (mezza punta ma comunque impiegato nel tridente) e i bianconeri con Ardemagni e Ninkovic (su punizione proprio all’Arechi). Situazione molto simile a quella che sta vivendo il reparto offensivo del cavalluccio si può leggere a Cremona, dove la banda di Mandorlini ha esultato 5 volte ma solo Brighenti è riuscito tra il parco attaccanti a trovare la gioia. Tutte le altre di B volano trascinate dai propri bomber.

La fortuna della Salernitana è che il campionato è molto equilibrato, ci sono poche vittorie e ogni gara è decisa da un episodio. Di Tacchio si sta assumendo la responsabilità di fare i gol, naturalmente questo trend va assolutamente invertito. Se la Salernitana vuole davvero candidarsi per i playoff, ha bisogno di trovare idee tattiche ma soprattutto gol degli attaccanti. Senza punte, non si può ballare. Il paradigma è semplice, Colantuono ha poco tempo per trovare una soluzione.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News