Connect with us

News

Giovane tifoso granata aggredito a Cava, Mari: “Andrò a cena con ex rivali della Salernitana”

Un salernitano trapiantato a Cava de’ Tirreni. Sergio Mari da centrocampista ha vestito la maglia della Cavese per molti anni ritrovandosi – spesso – ad affrontare la Salernitana, squadra della sua città, in derby a dir poco infuocati. Le due squadre non si incrociano dal 2007, eppure la rivalità è quanto mai accesa. Se ne sta parlando in queste ore, in seguito all’aggressione subita da un giovane tifoso granata nella cittadina metelliana (clicca qui per leggere l’articolo).

“Siamo nel 2022 e cadiamo ancora in questi fattacci che macchiano la bontà e il bello di Cava de’ Tirreni” ha dichiarato Mari, classe ’62, ai microfoni di Radio Alfa. Il suo auspicio è che “la parte buona di Cava possa isolare queste persone. Sono uscito dal calcio proprio per queste cose che macchiano un’intera città. Conosco il ragazzino e la sua famiglia. Hanno difeso la parte buona di Cava de’ Tirreni. Io quando giocavo i derby con la Cavese dovevo tornare a casa accompagnato da cinque carabinieri. Ci stiamo perdendo il bello del calcio, i tifosi sono in grado di fare cose bellissime, ma poi cadono in queste brutture”.

Secondo Mari c’è una sola strada da seguire: “Bisogna parlarne e creare un clima sportivo e culturale. Lo sport in questi casi non c’entra, si identificano in qualcosa di cattivo perché alle spalle c’è forte frustrazione. Quando incontro i giovani dico sempre di studiare per avere le armi necessarie ad affrontare la vita. A Cava de’ Tirreni e a Salerno ci sono persone bellissime, ma queste frange macchiano la dignità delle due comunità. La rivalità deve esserci, ma deve finire lì. Dopo qualche derby brindavamo con i giocatori della Salernitana. Il prossimo 9 giugno ci vedremo a cena tra ex calciatori della Salernitana e della Cavese. Perché non fare lo stesso tra i tifosi? 

La rivalità resta, ma i social non aiutano a viverla in maniera sana: “Con i social non so se riuscirei a fare il calciatore. Ci identifichiamo per quello che scriviamo, i social sono la nostra carta di identità, forse non abbiamo ancora capito la funzione di questo strumento. Lo sfottò continuo sfocia nella violenza”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News