Connect with us

News

Fatture sospette nel calcio: Tribunale di Napoli chiama (anche) Lotito, ma udienza viene rinviata

C’è anche Claudio Lotito tra i coinvolti in un processo che mira a fare chiarezza su alcune fatture legate al mondo dei rapporti tra procuratori sportivi, calciatori e società sportive. Il co-patron della Salernitana e presidente della Lazio, infatti, ieri era presente al Tribunale di Napoli, accompagnato dal suo legale di fiducia, Gianmichele Gentile, e dagli uomini di scorta. Lotito era chiamato a rispondere alle domande dinanzi al giudice monocratico Ciampaglia, nell’aula 721 del palazzo di giustizia partenopeo, nell’ambito di un’inchiesta che vede coinvolti anche Aurelio De Laurentiis (Napoli), Luca Campedelli (Chievo), Diego Della Valle (Fiorentina), l’ex AD del Milan, Adriano Galliani e il procuratore Alessandro Moggi. L’udienza, per la cronaca, è stata interrotta dopo alcune deposizioni e rinviata a giugno, a causa dell’incombenza di un processo per direttissima. “Stamo a fa tutta ‘sta storia per poche decine di migliaia di euro, comunque… siamo tutti a piede libero”, ha commentato Lotito con una battuta in romanesco.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement
Advertisement

Altre news in News