Connect with us

News

E l’amore ha…la Salernitana come solo argomento: i tifosi granata “bersaglieri” all’Allianz

Ventottomilaseicento presenti tra i supporter bianconeri, 586 (solo) nel settore ospiti. Basterebbero i numeri, freddi, distaccati. Ma non è nello stile dei salernitani, che in realtà erano almeno duemila in più, dislocati in altri settori. Nonostante tutto – infatti – l’eco del tifo era soltanto di questi ultimi all’Allianz Stadium di Torino. I tifosi della Bersagliera nel settore ospiti ci mettono il cuore, l’anima senza condizioni, nonostante i “nonostante”. Nonostante il fiato sul collo di una retrocessione che tira dalle caviglie la Salernitana che si è ritrovata davanti alla Vecchia Signora Juventus come una bambina davanti ad un gigante, nonostante un passato che condanna i granata e nonostante un futuro che non è (probabilmente) roseo ma almeno ha il volto definito di un cavalluccio marino.

Se la Salernitana perde sul rettangolo verde, sotto i colpi dei bianconeri Dybala e Vlahovic, il “motivetto” che diventa certezza è sempre lo stesso: si salvano solo i tifosi sugli spalti che – con rispetto per tutti i presenti – commuovono, emozionano, cantano a squarciagola e regalano spettacolo, comunque e ovunque. Le parole sono superflue, alle orecchie e agli occhi l’onore di vivere la magia: per chi c’era ma anche per chi non c’era. Temerari, imprescindibili, legati a doppio filo dall’amore viscerale per la maglia. Non basterebbero i complimenti anzi: sono inutili per chi vive d’amore e si riempie lo stomaco di “farfalle” in una lunga e incondizionata storia d’amore.

Tutto sotto l’attento sguardo della nuova famiglia granata, quella targata Iervolino-Sabatini (presidente e diesse) presenti sulle poltrone della tribuna d’onore, dopo aver “calpestato” l’erba dell’Allianz e osservato il riscaldamento per-partita insieme. I calciatori, al triplice fischio finale, ricambiano l’amore con le maglie lanciate al pubblico del settore ospiti – che non è di certo solo quello delle “grandi occasioni” – e gli applausi che chiudono il cerchio e richiamano i “nonostante i nonostante”. E anche “oltre il novantesimo” quando la festa è finita, c’è chi ancora canta, c’è chi ancora è vivo, senza pensare ai chilometri da percorrere, senza pensare a cosa avrà in cambio, senza far caso alla gratitudine di ritorno, che è un viaggio senza destinazione. Se c’è una certezza è “quell’amore dal mancato finale, così splendido e vero da poter ingannare”. Di cui la Salernitana – intesa come società – si è accorta: in serata è arrivato l’omaggio su Instagram con un video dei tifosi che cantano, postato dall’account ufficiale del club: “Un ringraziamento speciale ai nostri straordinari tifosi che anche oggi erano in tantissimi all’Allianz Stadium e hanno sostenuto i ragazzi incessantemente fino all’ultimo minuto”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News