Connect with us

News

Decreto “Cura Italia” anche per lo sport, sospensione termini fiscali. Figc ringrazia Governo

Arrivano 25 miliardi per il sistema economico italiano. Con la sanità e il lavoro in primis, anche il comparto sportivo avrà il suo per essere aiutato a venir fuori da una condizione di oggettiva difficoltà per le società di calcio, nello specifico, divenute col tempo sempre più aziende legate ai profitti. Diversi i provvedimenti presi dal premier Conte, che ha firmato oggi il decreto “Cura Italia”.

Per quanto concerne lo sport, beneficerà dell’estensione della cassa integrazione in deroga prevista per i lavoratori dipendenti, dell’indennità di 600 euro una tantum per i lavoratori autonomi e i collaboratori delle società sportive. Club sportivi professionistici e dilettantistici (ma anche i gestori di impianti sportivi) potranno poi usufruire della sospensione dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria fino al 31 maggio: potranno essere saldati in un’unica soluzione entro il 30 giugno o rateizzate per un massimo di cinque mesi da giugno in poi. Infine, la sospensione fino al 31 maggio dei pagamenti dei canoni di fitto e concessione degli impianti sportivi pubblici. La cosa riguarderà anche la Salernitana e il rapporto con il Comune di Salerno per stadio Arechi e campo Volpe (in realtà mai utilizzati a marzo).

Gabriele Gravina, presidente della Figc, accoglie con favore le misure del Governo. “Con il riconoscimento della sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi anche per le società sportive come richiesto dalla FIGC, viene riconosciuto al calcio, al pari di altri comparti produttivi, lo stato di crisi dovuto all’emergenza COVID-19. Tale provvedimento rappresenta un primo passo concreto per consentire all’intero settore di fronteggiare questa difficile contingenza. Desidero ringraziare – afferma il presidente della FIGC Gabriele Gravina – il Governo, il ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri e in particolare il ministro per lo Sport Vincenzo Spadafora, dimostratisi sensibili verso le nostre istanze. Trovare soluzioni in grado di fronteggiare questa grave criticità è frutto di un continuo confronto con le istituzioni, così come l’individuazione di altri provvedimenti economici e normativi che rilancino l’intero sistema, in perfetta sintonia con le esigenze del Paese”, si legge nella nota pubblicata sul sito della Federcalcio.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News