Connect with us

News

Colpo Di Tacchio: “Bravo e fortunato, era uno schema. A Benevento con ambizione e consapevolezza”

Un gol del genere, all’Arechi, non lo si vedeva da parecchio. Sia per la bellezza della prodezza balistica di Francesco Di Tacchio, sia per la puntualità dello schema provato ed applicato. Il centrocampista granata conferma in sala stampa: “Mi è andata bene, ma era una soluzione provata in allenamento – ha dichiarato l’ex Pisa – Va dato grande merito anche al lavoro dello staff, hanno visto che il Padova concedeva qualcosa in queste situazioni. Sono contento, l’importante è aver trovato i tre punti. Quello che conta è il lavoro di squadra. Ci sono andato vicino un paio di volte con questo schema, oggi sono stato più bravo e fortunato delle altre volte. Ho cercato di colpirla nel migliore dei modi, sapevo che dovevo calciare di prima altrimenti sarebbero usciti i difensori. La dedica è per la mia fidanzata Antonella ed i miei genitori”.

Gol prezioso per sbloccare il match e metterlo sui binari preferiti dalla Salernitana: “Loro erano parecchio aggressivi, venivano a prenderci alti. Quando trovi questo tipo di squadre fai fatica a uscire col fraseggio. Dovevamo cercare di giocare sulle seconde palle e lo abbiamo fatto molto bene, siamo stati bravi a sfruttare il gol da palla inattiva per andare subito in vantaggio. Da lì la gara si è indirizzata nel verso giusto. Siamo una squadra nuova, ci vuole un po’ di tempo per amalgamarsi. La sosta ci ha fatto bene, l’importante è lottare su ogni pallone. È fondamentale e oggi lo abbiamo fatto bene, in questo aspetto abbiamo vinto la partita. Sono felice per la standing ovation sul cambio, l’obiettivo di ogni calciatore è quello di dare il massimo e dare il meglio per la squadra. Il mister mi ha chiesto di fare schermo davanti alla difesa e dare un occhio al trequartista, cercando di verticalizzare sulla punta. Non mi sento in concorrenza con Di Gennaro”.

Alle porte la difficile trasferta di Benevento: “E’ un’ottima squadra costruita per fare qualcosa di importante, però la B è molto strana e può succedere di tutto. Dobbiamo preparare bene la partita, consapevoli della nostra forza e senza paura di nessuno. Se ha qualcosa in più di noi lo deciderà il campo. Siamo consapevoli di essere un’ottima squadra, andremo al Vigorito per giocare e vincere. Lotito? L’ho conosciuto poco fa, ci ha fatto i complimenti. E’ il primo a volere che le cose vadano bene”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News