Connect with us

News

All’inferno e ritorno: la Salernitana va sotto di due reti e rimonta nel recupero con Tutino e Casasola

CAMPIONATO SERIE B – 22^ GIORNATA

STADIO ARENA GARIBALDI – ROMEO ANCONETANI

PISA – SALERNITANA  2-2

PISA (4-3-3): Gori; Birindelli (45’ st Pisano), Caracciolo, Benedetti (1’ st Varnier), Beghetto; Gucher, De Vitis (36’ st Marin), Mazzitelli; Palombi (36’ st Soddimo), Marconi, Vido (27’st Siega). A disp: Perilli, Loria, Quaini, Mastinu, Meroni, Lisi, Marsura. All: L. D’Angelo.

SALERNITANA (3-5-2): Belec; Bogdan, Aya, Veseli; Casasola, Coulibaly (20’ st Cicerelli), Di Tacchio (38’ st A. Anderson), Kiyine (9’ st Capezzi), Jaroszynski (38’ st Dziczek); Tutino, Gondo (9’ st Djuric). A disp: Adamonis, Guerrieri, Sy, Schiavone, Boultam, Kristoffersen, Mantovani. All: F. Castori.

Arbitro: Prontera di Bologna (Margani/Sechi). IV uomo: Camplone di Pescara

Marcatori: 8’ st Mazzitelli (P), 28’ st Marconi (P), 31’ st Tutino (S), 93’ Casasola (S)

Ammoniti: Benedetti, Vido, Marin (P), Kiyine, Coulibaly, Casasola (S)

Angoli: 6-1

Recupero: 1’ pt, 4’ st.

PISA – La Salernitana vede il baratro e risorge con una rimonta nel recupero da 2-0 a 2-2 sul campo del Pisa. Dopo un primo tempo equilibrato e bloccato, nella ripresa i granata sbagliano l’approccio e capitolano due volte sotto i colpi di Mazzitelli e Marconi. Poi il regalo della difesa toscana che apparecchia per Tutino che riapre i giochi e la rete di Casasola proprio a pochi secondi dal triplice fischio. Il pareggio può accontentare i granata che di certo ai punti non avrebbero meritato ma strappano il terzo segno X consecutivo e restano terzi dietro Empoli e Monza in virtù di buone notizie che arrivano dagli altri campi.

Castori sorprende con Kiyine e Veseli dal primo minuto: lo schieramento granata resta il 3-5-2 con l’ex Aya centrale per far rifiatare Mantovani affiancato da Bogdan e Veseli. Mediana con Di Tacchio perno, Coulibaly e Kiyine mezz’ali e Casasola Jaroszynski quinti di centrocampo. In avanti con Tutino c’è Gondo e non Djuric. Una sola sorpresa di formazione per D’Angelo che sceglie Palombi al posto di Soddimo e schiera l’artiglieria pesante in avanti con l’ex granata, Vido e Marconi.

La prima azione degna di nota è del Pisa con Birindelli che sfonda a destra e dalla linea del fondo serve arretrato per Marconi che però scarabocchia a lato da buona posizione. All’8’ scontro aereo violento tra Gori e Gondo, per fortuna senza conseguenze. Primo giallo al 12’ per Benedetti che trattiene Tutino. Grande giocata di Gucher e grande parata di Belec al 20’: il centrocampista addomestica un campanile di Beghetto e spara centrale ma il numero 72 granata si oppone di istinto. Ci prova Jaroszynski al 21’ con una botta alta: l’azione era nata da una sforbiciata fallita da Tutino. Al 26’ primo giallo anche per la Salernitana: se lo becca Kiyine che ferma irregolarmente un Birindelli che stava puntando all’area di rigore. Dopo una lunga fase di stanca, la Salernitana prova a scuotersi con un colpo di testa di Gondo su assistenza di Kiyine, sfera docile tra le braccia di Gori. Al 42’ ammonito anche Vido che ferma sul nascere un contropiede di Jaroszynski. Stessa sorte per Coulibaly che trattiene Gucher. Prima del duplice fischio ecco le migliori occasioni del primo tempo. Prima gli ospiti: Casasola ruba palla e lancia Tutino in profondità, il diagonale del numero nove termina di poco a lato. Nell’unico di recupero poi altra fuga di Birindelli che apparecchia per Mazzitelli il cui tiro è potente ma non inquadra lo specchio.

La ripresa si apre con un cambio nel Pisa, D’Angelo toglie l’ammonito Benedetti e inserisce Varnier. Subito un pericolo per la Salernitana: botta dai 30 metri di Birindelli che colpisce la traversa dopo provvidenziale e impercettibile tocco di Belec. Sono le prove generali del gol: all’ottavo di gioco su corner battuto da Gucher, Mazzitelli sfugge alla marcatura di Bogdan e insacca con un colpo di testa preciso. Nemmeno il tempo di rimettere la palla al centro che Castori si gioca un doppio cambio: Djuric per Gondo e Capezzi per Kiyine.  Ancora Pisa al 57’ con Marconi che vince un duello con Aya e riesce a concludere dopo una scivolata, palla di poco a lato. Al quarto d’ora ancora toscani vicini al gol: erroraccio in alleggerimento di Capezzi che lancia Marconi a rete; la punta è sola davanti a Belec ma sceglie il tiro basso sul primo palo, il portierone granata si supera ed evita il raddoppio. Al 65’ dentro anche Cicerelli per Coulibaly. Ma è sempre il Pisa a rendersi pericoloso con l’ex Palombi che si accentra e cerca il jolly sparando alto. D’Angelo inserisce Siega al posto di Vido e ridisegna un Pisa più accorto. Al 28’ arriva il raddoppio: azione insistita di Palombi che fa il bello ed il cattivo tempo sul versante di Veseli e Jaroszynski, tracciante basso al centro dove irrompe Marconi che di destro incrocia e trafigge Belec. Secondo gol dei toscani in una ripresa fin qui a senso unico.

Al 76’ la riapre Tutino. Incredibile incomprensione tra Caracciolo e Beghetto che lasciano il pallone a disposizione di Tutino bravo ad involarsi e presentarsi davanti a Gori. Primo tentativo respinto dal portiere e rimpallo sul numero nove che deposita in rete con il corpo. 2-1 e gara riaperta grazie ad un regalo della difesa pisana ed alla caparbietà di Tutino che va sempre in pressing anche se isolato. Al 79’ occasione per Marconi che non riesce a duplicare il gol con un’azione fotocopia ma con conclusione mancina di poco a lato. Quando mancano dieci minuti D’Angelo fa entrare Soddimo e Marin al posto di Palombi e De Vitis. Castori risponde con Dziczek e Andrè Anderson per Jaroszynski e Di Tacchio. Marin si becca subito un giallo fermando da dietro Andrè Anderson che stava involandosi in area. L’ultimo cambio del match è di D’Angelo che inserisce Pisano per Birindelli. Nel primo dei 4 di recupero Cicerelli sfiora il palo lontano con un tiro da fuori che mette i brividi a Gori. Al terzo di recupero il pareggio di Casasola: lancio in avanti alla disperata, pallone sporcato da Tutino che viene fermato in extremis, pallone a Casasola che arma il destro e spara una botta sotto la traversa con Gori che viene ingannato dalla deviazione di un difensore. Nell’ultimo di recupero c’è spazio per un giallo a Casasola e per le proteste del Pisa con D’Angelo che viene trattenuto a forza e con i panchinari che devono dividere i ventidue in campo. Finisce 2-2 con la Salernitana che strappa un punto insperato con il minimo sforzo.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News