Connect with us

News

Alla 7^ il primo acuto: tante analogie tra l’avvio di Castori e quello di Rossi nel 1998

Grazie ai tre punti conquistati contro il Genoa, la Salernitana abbandona l’ultimo posto in classifica e sale a quota 4, rientrando nel gruppo che presumibilmente si giocherà la permanenza in massima serie per tutto il campionato. La prima imposizione arriva quindi alla settima giornata, esattamente come nell’ultimo torneo di massima serie disputato dai granata, coincidenza che non è sfuggita a molti supporters del cavalluccio.

Anche nella stagione 1998-99, la Salernitana aveva 1 punto in 6 giornate (in quel caso arrivò nel pari interno con l’Empoli alla quarta, prima del pari con l’Hellas alla quinta di quest’anno) ed anche allora il settimo turno coincise con un match interno. Altra analogia: la vittoria arrivò col punteggio di 1-0 e dopo una sfida soffertissima; l’avversario era la Super Lazio di Sven Goran Eriksson, capace di giocarsi lo Scudetto con il Milan di Zaccheroni fino all’ultima giornata grazie ad un girone di ritorno da record. Quella Lazio perse solo 5 incontri in campionato ed uno di questi proprio all’Arechi, dove nel girone di ritorno sarebbero cadute anche Roma, Inter e Juventus.

Coincidenze finite? Nemmeno per idea. Il gol di Djuric su cross proveniente dalla destra per chi attacca, è viziato da un tocco successivo di Maksimovic. Dinamica simile a quella del gol partita contro la Lazio di 23 anni fa: il 1 novembre del 1998, su punizione fischiata da Treossi e battuta dalla destra da Giacomo Tedesco, arriva una impercettibile spizzata di Marco Di Vaio che inganna Marchegiani proteso in tuffo. Basta una semplice ricerca su internet per capire che i quotidiani dell’epoca riportarono versioni diverse sull’autore del gol. Oggi come allora al pubblico dell’Arechi sarebbe andato bene qualsiasi marcatore, allenatore compreso. Troppo importante fare punti e rientrare nel gruppone salvezza.

Castori, insomma, sta ripercorrendo le orme di Delio Rossi in quanto a questo avvio di campionato. Nel 1998-99, però, il torneo era a 18 squadre, con 4 turni in meno rispetto a quello attuale che di compagini ne annovera 20. Castori ha realizzato e subito un gol in più rispetto a Rossi (5 e 15 rispetto ai 4 e 14 del “profeta”). Ci si augura un epilogo diverso per conquistare una permanenza in massima serie mai raggiunta in 102 anni di storia granata.

Serie A 1998-99 (a 18 squadre)
Roma – Salernitana 3-1
Salernitana – Milan 1-2
Udinese – Salernitana 2-0
Salernitana – Empoli 1-1
Parma – Salernitana 2-0
Fiorentina – Salernitana 4-0
Salernitana – Lazio 1-0
4 punti in 7 partite. 4 gol realizzati e 14 subiti

Serie A 2021-22 (a 20 squadre)

Bologna – Salernitana 3-2
Salernitana – Roma 0-4
Torino – Salernitana 4-0
Salernitana – Atalanta 0-1
Salernitana – Verona 2-2
Sassuolo – Salernitana 1-0
Salernitana – Genoa 1-0

4 punti in 7 partite. 5 gol realizzati e 15 subiti

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News