Connect with us

News

A Cittadella con Di Gennaro, ritorna anche Akpa Akpro: 3 punti per “alzare l’asticella”

L’attesa è finita, sabato la Salernitana torna in campo. Tra le pantofole e gli scarpini meglio i secondi, anche se può essere utile la sosta non fa mai contento nessuno. Ma la B targata 2019 propone anche questi scherzi del calendario, meglio non prendersela troppo e rimanere concentrati sul campionato. Che intanto è andato avanti e ha costretto la Salernitana a scendere momentaneamente dal podio, stabilizzandosi quarta a pari punti con Benevento e soprattutto Cittadella. Sabato lo scontro diretto sarà un primo, vero, grande esame di maturità per i ragazzi di Colantuono. Non servono calcoli, al Tombolato bisogna giocare per vincere non solo per i 3 punti ma soprattutto per dare un segnale al campionato. Se i granata vincessero a Cittadella, riuscendo in un colpo solo a rompere il tabù esterno e vincere per la prima volta sul campo dei veneti, allora sì che la benedetta e troppe volte tirata in ballo “asticella” si alzerebbe notevolmente. E alzare un po’ lo sguardo non può che far bene alla Salernitana.

Colantuono sta preparando questa sfida da tanto, troppo. Tre settimane di allenamenti, se le prime due sono state giocoforza più blande, da lunedì si è ricominciato a fare sul serio. E l’indicazione che sembra arrivare dalle sedute del Mary Rosy è il ritorno in campo dal primo minuto di Davide Di Gennaro. Proprio in Veneto il fantasista ex Milan aveva subito l’ultimo infortunio di una stagione già travagliata, al Penzo di Venezia. La sosta (e la tiratina d’orecchi di Lotito) gli è servita per riprendere la forma migliore. E un Di Gennaro con la forma migliore non può restare in panchina. Resta da capire quale sarà il modulo utilizzato da Colantuono, che ha a lungo testato il 3-4-1-2 nelle amichevoli con la Primavera e non solo. Il disegno con il trequartista, però, è un modulo più casalingo per il tecnico di Anzio che a Cittadella dovrebbe ancora una volta confermare il 3-5-2. In attacco ci saranno Djuric e Bocalon (leggi qui l’articolo), sugli esterni Casasola e Vitale. Sui tre di centrocampo, l’intenzione di Colantuono è riprovare Di Gennaro mezz’ala. Un po’ come è successo a Venezia, ma soprattutto in casa con il Livorno dove l’ex Lazio ha giocato la sua miglior partita in stagione. Di Tacchio, naturalmente, è inamovibile e avrà il compito di fargli arrivare più palloni possibile. Resta da scegliere l’altra mezz’ala, con Akpa Akpro favorito. L’ivoriano è pienamente ristabilito e nelle gerarchie di Colantuono è un titolare. Il suo dinamismo sarà utile anche a Cittadella, contro una squadra che propone un calcio veloce e offensivo. Spazi in contropiede ci saranno, ma attenzione a chiudersi per aspettare l’attimo giusto: il Citta può colpire all’improvviso. Esperienza e qualità per il centrocampo granata, alla Salernitana sabato si chiede qualcosa in più. Non solo punti pesantissimi, ma una vittoria per cominciare davvero a sognare.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement

Leggi anche

Advertisement

Altre news in News

Segnala questo articolo via Email