Connect with us

News

Vitale… importanza: a Lecce tornerà l’esterno mancino, più incisività nei cross per Djuric

Due mancini in più per respirare su quel lato. Al Via del Mare di Lecce domenica sera la Salernitana ritroverà tra i disponibili sia Guillaume Gigliotti che Gigi Vitale, out forzatamente contro il Palermo a causa delle rispettive squalifiche pendenti dalla scorsa stagione. Entrambi potranno dare soluzioni maggiori a mister Colantuono, soprattutto l’esterno ex Ternana per quanto concerne i cross dal lato sinistro. È l’unico a poter garantire pericolosità su quel versante, per la naturalità di calcio col mancino ed… educazione del piede.

Il tecnico l’ha ammesso senza mezzi termini sabato sera in sala stampa dopo lo 0-0 contro i rosanero: “Abbiamo quattro esterni che possono fare i quinti di centrocampo, tre dei quali sono destri. Chiaramente, allorquando Vitale non è disponibile o non è in condizione, serve che qualcuno si adatti al suo posto con piede invertito. Questo può comportare qualche problema sul discorso cross ma ricordo che soprattutto Pucino l’anno scorso ha egregiamente volto qualche partita sul versante mancino”. 

Vuletich e soprattutto Djuric hanno bisogno di rifornimenti di palle alte provenienti dalle fasce nel 3-5-2 e il ritorno di Vitale nel novero dei disponibili offre a Colantuono la possibilità di programmare anche una partita diversa coi salentini, rispetto a quella un po’ più attendista nel primo tempo offerta alla prima giornata. Sarà un esame importante anche per lo stesso Vitale, apparso non in grandissima giornata nell’ultimo match ufficiale in cui è stato schierato, ormai quindici giorni fa in Coppa Italia nel ko di Chiavari contro l’Entella. Il mancino napoletano, 31 anni, è in scadenza di contratto e dovrà dare il massimo in questi mesi per strappare alla società il rinnovo almeno fino al 2020.

Importante anche il rientro di Gigliotti. Anche l’ex ascolano non è parso impeccabile nel precampionato, tanto che negli ultimi giorni di mercato si vociferava una sua possibile cessione. Alla fine è rimasto e, considerando anche l’indisponibilità di Bernardini (adattabile meglio di altri sul centro sinistra) fino a ottobre, sulla carta resta tra i principali candidati a vestire una maglia da titolare, dato il piede di calcio preferito. Col Palermo s’è disimpegnato sul centro-sinistra Migliorini. “Non l’avevo mai fatto in difesa a tre ma ci si adatta”, le parole del difensore ultimo arrivato a Salerno. Colantuono aveva provato anche Perticone nell’amichevole col Monopoli, anch’egli quasi sempre impiegato dal lato opposto in carriera.

Insomma, a Lecce una – anche due – difficoltà in meno per Stefano Colantuono, voglioso di trovare la prima vittoria del campionato e ovviamente i primi gol granata della Serie B 2018/19.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News