Connect with us

Giovanili

Under 16, poker del Napoli al Volpe. De Santis: “Pesce fa la differenza”

Campionato Under 16 Serie A e B, 6ª Giornata – Girone C

Salernitana – Napoli 1-4

TABELLINO

SALERNITANA: Abate, Landi (26’ st Vellella), Carbone (32’ st De Santis), Garofalo, Di Maio (32’ st Signoriello), Belvedere, Abitino (23’ st Lanari), Sabatino (23’ st Guerra), Luongo (32’ st Marzocchella), Bammacaro, Lamberti (32’ st Abbate). A disp. Blanco, Iuliano. All. De Santis.

NAPOLI: Boffelli (29’ st Connola), Marchisano (29’ st Boemio), Frulio (34’ st Pietropaolo), Lettera, Di Leo, Pontillo, Di Dona (17’ st De Pasquale), Gioielli, Pesce (29’ st Marzanino), Flora, Salierno (17’ st Massa). A disp. Norcia, Esposito, Spavone. All. Bevilacqua.

Arbitro: Sig. Delli Carpini di Isernia (Ferrara/Eliseo).

Marcatori: Pesce (N) al 35’ pt su rig., 37’ pt l, 3’ st, 28’ st, Bammacaro (S) al 41’ st su rig.. Ammoniti: Sabatino (S), Signoriello. Angoli: 1-3. Recupero: 1’ pt  – 4’ st.

 

Altra pesante sconfitta per la Salernitana U16, che al Volpe perde 4-1 nel derby contro il Napoli.

Gli azzurrini colpiscono i padroni di casa con un gioco molto diretto, che mette in mostra tutte le qualità del centravanti Pesce. Al 13’ quest’ultimo entra in partita sfuggendo ai due centrali ma dal limite non trova lo specchio. Al 18’ ancora lui, imbeccato da Di Dona rientra sul destro in area e spara, trovando però sulla sua strada Abate che con un miracolo devia in angolo. Pesce ci prova di nuovo al 26’, usando il fisico per girarsi e calciare, trovando solo l’esterno della rete. Tutte le azioni offensive passano per i piedi del numero 9, basta che tocchi la palla perché ne esca una palla gol, come al 32’ quando va in percussione centrale, finendo però poi per svirgolare il tiro. Al 35’ poi riesce finalmente a sbloccarsi, dal dischetto dopo il fallo da rigore commesso da Landi su Frulio. Una volta sbloccato non ci mette molto a segnare il secondo gol: al 37’ incorna sul cross di Di Dona battendo Abate. Dopo quaranta minuti in cui i granatini hanno tenuto per larghi tratti il pallino del gioco, senza però mai risultare pericolosi, il primo tempo termina sul parziale di 2-0 per il Napoli.

La ripresa si apre con lo show del solito Pesce al 3’, quando manda a vuoto due difensori con un sombrero e il terzo con il successivo controllo per poi mettere dentro con il sinistro, tripletta perfetta quindi per lui, che segna di destro, di testa e di sinistro. Poi forse qualcuno gli ha detto che il rigore non contava, perciò al 28’ detta il passaggio in profondità, rientra sul destro e la piazza a giro sul secondo palo freddando Abate per il poker personale. La Salernitana poi segna il gol della bandiera al primo minuto di recupero, con Bammacaro che trasforma il rigore guadagnato da Abbate. Ma ormai è troppo tardi, la gara finisce 4-1 in favore degli ospiti.

Mister De Santis ci dice schiettamente la sua al termine della partita: “Noi abbiamo provato come sempre a costruire e sviluppare il gioco per finalizzare. A volte ci siamo riusciti, altre no, finora è vero che abbiamo subito tanti gol ma ne abbiamo anche fatti tanti. Non possiamo lamentarci della finalizzazione, bisogna lavorare per creare quante più occasioni da gol possibili. In fase difensiva commettiamo tanti errori, il Napoli oggi non cercava il palleggio, ma cercava direttamente la verticalizzazione su Pesce, che in questa categoria conosciamo tutti e fa la differenza, basta vedere il gol che ha fatto. Però a volte gli abbiamo lasciato troppo spazio, rendendogli tutto troppo semplice. Dobbiamo tirar fuori un po’ più di cattiveria calcistica, un po’ più di fame e alzare l’attenzione. Sicuramente loro ci hanno messo più determinazione, poi a questa età inizia a venir fuori la qualità dei giocatori e il Napoli di qualità ne ha tanta. È anche merito loro se non siamo riusciti a finalizzare il gioco sviluppato oggi. Mentre se analizziamo i gol che abbiamo subito si tratta sempre di errori individuali. Il Napoli non ci ha messo sotto sul piano del gioco, ma se è primo in classifica c’è un motivo. Il loro stile diretto è un modo di interpretare il gioco e visto il risultato gli dà perfettamente ragione”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in Giovanili