Connect with us

Giovanili

U17, la nota della Reggina su Cerrato: “Nessuna minaccia, non è nostro modus operandi”

La Reggina non è d’accordo con le dichiarazioni rilasciate ieri da mister Pasquale Cerrato, dopo la gara tra gli amaranto e la Salernitana Under 17. Il tecnico della formazione giovanile granata ha parlato di minacce ricevute dall’allenatore avversario, Tobia Assumma, nell’intervallo tra primo e secondo tempo (clicca qui per leggere l’articolo).

Oggi il club amaranto ha diffuso un comunicato in cui racconta la propria versione dei fatti. Per la Reggina, tra i due allenatori c’è stato un normale diverbio che non ha esulato dal contesto agonistico e che la guida dei baby granata ha male interpretato. La prova sarebbe la stretta di mano avvenuta tra i due tecnici dopo il fischio finale, in un clima che la società calabrese sostiene sia stato di assoluta serenità. I granata però si sono allarmati a tal punto da ricorrere alle forze dell’ordine, arrivate al centro sportivo Sant’Agata quando anche per Cerrato la situazione si era ormai tranquillizzata. Questo il comunicato integrale:

“In merito alla gara Reggina-Salernitana, valida per il campionato Under 17 e disputatasi al centro sportivo Sant’Agata, il club prende atto, con amarezza ed incredulità, delle dichiarazioni rilasciate dal sig. Pasquale Cerrato, tecnico della compagine granata. Al di là dello splendido gemellaggio che da quasi 40 anni lega le città di Reggio Calabria e Salerno, termini come “minacce” ed “aggressioni” non fanno e non hanno mai fatto parte del modus operandi della Reggina 1914 e dei propri tesserati. Il sig. Cerrato ha dunque descritto un clima mai esistito nella realtà dei fatti, ma frutto di sue interpretazioni strettamente personali e soggettive. E’ nostro preciso dovere, pertanto, smentire categoricamente le dichiarazioni e le ricostruzioni pubblicate in data 3 aprile su alcune testate online. L’unico episodio realmente accaduto, riguarda un acceso scambio di vedute tra il sig. Cerrato ed il signor Assumma, tecnico dell’Under 17 amaranto, al termine del primo tempo. Un diverbio durato pochi secondi, che mai ha dato la sensazione di poter sconfinare da quelle che sono le dinamiche dettate dalla trance agonistica dei protagonisti. A riprova di quanto appena sostenuto, a fine gara i due tecnici si sono stretti la mano, sotto gli occhi dei presenti, in un clima di assoluta serenità”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Giovanili