Connect with us

Giovanili

Torna in campo l’U17 (decimata dal Covid), Cosenza espugna Volpe tra le polemiche

CAMPIONATO UNDER 17 GIRONE C, 14MA GIORNATA

TABELLINO   –   SALERNITANA-COSENZA 1-2 
SALERNITANA: Allocca, Ianniello (Scognamiglio 18’ st), Gallo (Mele 27’ st), Nicoletti, Fasano, La Rocca, Macrì (Carpetti 27’ st), Coppola (De Gennaro 18’ st), Fusco (Fisio 12’ st), Zerillo, Melella. A disp: Di Stanio, Perrotta, Langellotto, Rizzo. All: Cerrato.
COSENZA: Iovino, Pedalino, Gallo, Mammolito (Montani 8’ st), Casciaro, Occhiuto (46’ st Dadone), Anaclerio (Dadone 8’ st), Sommario (Celestino 46’ st), Violante, Chisari (Federico 38’ st), Bartoletti. A disp. Di Stasi, Bellotti, Dirane, Corrente, Chirichimo. All: Angotti.
ARBITRO: Sig. Michele Palomba di Torre del Greco (Amarante/De Rosa)
NOTE. Marcatori: Occhiuto (C) 16’ pt, Coppola (S) 25’ pt, Dadone (C) 15’ st. Angoli: 6-4. Ammoniti: Gallo e Zerillo (S), Chisari, Montani e Federico (C). Espulso Bartoletti (C) al 37’ st. Recuperi: 5’ pt e 5’ st. Partita disputata a porte chiuse.


Niente sorriso per i baby granata nella prima partita del settore giovanile con la nuova proprietà Iervolino. Al termine di un match agguerrito e dagli alti ritmi, nonché denso di polemiche, il Cosenza espugna il campo Volpe alla ripresa del campionato Under 17. La Salernitana di mister Cerrato, decimata a causa del Covid proprio come la prima squadra, resta così quartultima con 10 punti.

La partita

Al 7’ primo vero squillo dei granatini, con Fusco che si fa tutto il campo palla al piede, salta un avversario e Melella si avventa sul pallone e tira debolmente fra le braccia del portiere cosentino. Al 10’ occasionissima granata con la conclusione da fuori area al volo di Macrì, la palla batte sul palo vicino all’incrocio e si spegne al lato. Si affacciano per la prima volta in avanti gli ospiti al 12’, quando Anaclerio insacca di testa su cross proveniente dall’esterno, ma l’assistente segnala l’offside. La Salernitana in seguito si presenta nella trequarti avversaria con una bella azione manovrata in contropiede: Fusco trova Melella libero di crossare in area, si alza un campanile e al volo tenta la girata Coppola, con sfera di poco alta sopra la traversa della porta difesa da Iovino. Punizione dalla trequarti per gli ospiti al 16’: batte Bartoletti, inizialmente blocca con facilità Allocca, ma su un successivo scontro con un difensore dei padroni di casa, si fa scappare il pallone ed Occhiuto insacca a porta sguarnita. La reazione dei granatini all’immeritato svantaggio arriva al 25’: il cross di Ianniello trova Melella libero di colpire al volo, Novino respinge nell’area piccola e Coppola si avventa sul pallone, anticipando i difensori cosentini ed insaccando a porta libera. Partita che si accende. Al 27’ grande risposta di Allocca sulla punizione battuta insidiosamente da Chisari sul secondo palo, cercando di sorprendere il portiere granata, che non si fa trovare impreparato. Ancora i locali: Macrì si invola sulla fascia sinistra al 32’ e salta con un bel doppio passo il diretto avversario e mette in mezzo un cross insidioso; Occhiuto riesce ad anticipare Coppola, salvando la sua squadra in corner. Contropiede dei cosentini al 48’ con Anaclerio in profondità che dalla destra cerca un rasoterra sul primo palo, bloccato in due tempi da Allocca. Si chiude un primo tempo ricco d’intensità e di emozioni, in cui entrambe le compagini hanno giocato a viso aperto.

Il secondo tempo

Al 9’ grande occasione per i cosentini: filtrante per Dadone che si trova solo davanti ad Allocca, la conclusione è potente ma centrale e sulla ribattuta si avventa Chisari che però spedisce fra le braccia del portiere. Ripassano in vantaggio gli ospiti al 14’: rilancio di Iovino, il pallone arriva preciso sui piedi di Violante, che salta il diretto avversario con facilità e serve al limite Dadone, che con una conclusione chirurgica insacca alle spalle di Allocca. In contropiede al 17’ il Cosenza rischia ancora di far male alla Salernitana con il lungo linea di Gallo per Violante, che trovatosi dinanzi al portiere campano calcia anche lui potente ma centrale ed Allocca è ancora una volta decisivo. Punizione dai 25 metri per i granata al 21’ battuta da Nicoletti, che cerca col piatto destro una palla velenosa a spiovere sul secondo palo, ma Iovino lo aspetta su quel palo e non si fa trovare impreparato. Ancora Cosenza e ancora.. Allocca: dopo una bella azione manovrata, Sommario serve rasoterra Chisari, che si porta la palla sul sinistro e incrocia ma l’estremo difensore di casa ancora una volta dice di no. Al 35’ prima vera occasione per i granatini nella ripresa, Fisio si invola sulla fascia destra e, saltato un avversario, pesca in mezzo all’area solissimo Mele, che si fa ipnotizzare per ben due volte da Iovino. La Salernitana tenta invano un forcing finale, ma alla fine a portarsi a casa i 3 punti sono gli ospiti calabresi.

Le parole del mister

Pasquale Cerrato è soddisfatto della prestazione dei suoi, ma amareggiato per il risultato. “Abbiamo fatto sette allenamenti negli ultimi mesi per via del Covid, arrivavamo con 6 giocatori indisponibili perché positivi, ma questo non dev’essere un alibi, nonostante tutto siamo stati in partita fino all’ultimo minuto. Abbiamo preso un palo, siamo scesi in campo con cinque 2006, tra cui Coppola che ha segnato e Mele che stava per timbrare il cartellino; bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno – le affermazioni dell’allenatore ai nostri microfoni al termine della gara contro i silani – Lo dicevo ai ragazzi che purtroppo è un anno che ci gira tutto male e, analizzando le condizioni con cui si arrivava alla gara, bisogna essere contenti. Il Cosenza è una squadra che subisce poco, rognosa. Sul primo gol a mio avviso era fallo netto, subirne uno così fa male perché influisce sul morale. Loro avevano più energie a livello fisico. Queste cose alla lunga risultano determinanti, lo vediamo anche in Serie A; l’approccio al secondo tempo a mio avviso deriva anche da questo, la nostra è stata una reazione nervosa dopo il secondo gol avversario. Non potendo allenarci, abbiamo detto ai ragazzi di allenarsi per quanto possibile a casa, sempre nei limiti. Dispiace soprattutto perché eravamo la prima squadra del settore giovanile a scendere in campo con la nuova gestione societaria, puntavamo sicuramente ad un risultato diverso. Hanno pesato soprattutto le assenze di titolari come Cozzolino, Celia e Mastrocinque. Per fortuna già da martedì dovremmo recuperare almeno quattro componenti del gruppo squadra che si sono negativizzati”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Giovanili