Connect with us

News

Taglio stipendi, Tommasi chiaro: “Pronti a parlarne, ma adesso il calcio non è priorità”

Tagliare gli stipendi a tutti i calciatori seguendo il modello Juve per fronteggiare l’inevitabile crisi economica che il mondo del calcio è costretto ad affrontare. I vertici del palazzo vogliono aprire il dibattito, ci sarà da discutere ma l’obiettivo è trovare un accordo. Gravina vuole assolutamente terminare i campionati, ma è impossibile a oggi prevedere l’evoluzione del virus in Italia. La posizione di Tommasi, presidente dell’Assocalciatori, è chiara: “Siamo disponibili a fare la nostra parte. Ma prima bisogna capire se riprenderemo a giocare oppure no”. 

Intervenuto sulle colonne del Corriere della Sera, Tommasi non transige: la salute prima di tutto. E afferma: “Sento parlare di squadre che vogliono allenarsi, noi seguiamo il protocollo della federazione medici. Il momento è difficile e dobbiamo mettere delle priorità. Il calcio ora non lo è. Dobbiamo capire che è necessario cambiare abitudini. Il tema della sostenibilità del sistema interessa anche a noi e vogliamo che venga preservato l’equilibrio economico”. 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News