Connect with us

News

Stadi aperti, via libera in Emilia-Romagna: si riparte con 1000 persone

Un piccolo spiraglio per rivedere gli stadi aperti, anche se solo parzialmente. Si riparte dall’Emilia-Romagna dove il governatore Stefano Bonaccini ha firmato un’ordinanza che concede la deroga al numero massimo di spettatori previsti per gli eventi sportivi nazionali e internazionali all’aperto, ovvero 1000 persone.

E così domani si rivedranno i tifosi sugli spalti in due stadi italiani. il “Tardini” di Parma ed il “Mapei Stadium” di Reggio Emilia dove andranno in scena Parma-Napoli alle 12.30 e Sassuolo-Cagliari alle 18. La deroga vieta di assistere alle partite da postazioni in piedi, di introdurre all’interno dello stadio striscioni, bandiere o altro materiale e vieta anche qualsiasi forma di contatto fra giocatori e spettatori alla fine della manifestazione. I tifosi inoltre dovranno indossare la mascherina e la vendita di biglietti deve avvenire esclusivamente online.

Si tratta dunque di una riapertura parziale e localizzata ma la sensazione è che anche altri governatori concederanno la deroga, almeno nelle regioni in cui non si stanno registrando dati preoccupanti relativi ai nuovi contagi da Coronavirus.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News