Connect with us

News

Sosta buona pure per l’Arechi: prove per rinnovo agibilità e piccoli lavori

Lo stadio Arechi resta inattesa del certificato di idoneità statica della struttura e intanto sarà oggetto di piccoli (e urgenti) lavori di ripristino delle condizioni di sicurezza di alcune zone in tribuna centrale e nel tunnel sotterraneo della curva nord. Il Comune di Salerno ha infatti approvato la determina di affidamento diretto alla ditta Giotto – con una spesa di 12.317 euro – di alcuni interventi non più procrastinabili, dopo gli ultimi sopralluoghi dei tecnici.

Nel dettaglio, si è verificato il distacco di alcuni elementi in calcestruzzo del copriferro dall’intradosso della tribuna centrale dovuti all’ossidazione in alcuni punti dell’armatura, con il risanamento del calcestruzzo ammalorato e la successiva ritinteggiatura. Alla suindicata ditta spetterà anche un intervento di riqualificazione delle pareti del tunnel di servizio della curva nord danneggiati da un incendio un anno e mezzo fa. A ciò si aggiungerà anche un piccolo intervento analogo al vecchio Vestuti.

Intanto l’amministrazione comunale ha differito al 31 dicembre il termine per la presentazione del certificato di idoneità statica della struttura, necessario per garantire l’agibilità dell’impianto nel prossimo decennio che spetterà dare alla Commissione Provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo. Si andrà avanti con una proroga. La firma dell’ingegnere napoletano Luigi Adriani, che aveva effettuato anche il collaudo per i dieci anni scaduti lo scorso 30 luglio, era infatti attesa entro fine ottobre ma non è arrivata perché la ditta Tecno In, di San Donato Milanese, non ha ancora provveduto ad effettuare le prove di carico necessarie. Questi test dovrebbero essere eseguiti nel periodo compreso tra domani ed il 18 novembre, quindi durante la sosta di campionato. Soltanto dopo, potrà arrivare il certificato necessario. Per onorare le prestazioni del professionista e dell’azienda su citati, il Comune di Salerno, dovrà versare un importo complessivo di poco meno di 49mila euro.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News