Connect with us

News

Report Pescara, la penna avversaria: Luciano Rapa di PescaraSport24

Ricomincia da dove aveva finito la Salernitana che questa sera affronterà la squadra che l’aveva condannata ai playout quasi tre mesi fa. Ne è passato di tempo e ne sono cambiate di cose. In panchina c’è Ventura e gli interpreti che scenderanno in campo avranno l’onere di dover far tornare la passione in una piazza che l’ha persa costantemente negli ultimi anni. Di fronte un Pescara che ha allo stesso modo ha cambiato molto e con alla guida un tecnico giovane come Zauri. Ne abbiamo parlato alla prima intervista della nuova stagione con il collega Luciano Rapa di PescaraSport24.

 

Ai nastri di partenza un nuovo torneo di B con una sfida che è oramai un classico per la categoria. Che gara aspettarci da Salernitana e Pescara?

Pur essendoci punti pesanti già in palio ed ancora calcio d’agosto, entrambe mi sembrano essere cantieri aperti che necessitano di correttivi per raggiungere gli obiettivi. Forse il Pescara è più avanti perché il nuovo tecnico conosce l’ambiente per esscrci stato da collaboratore di Oddo e da allenatore della primavera ed ha una base di giocatori che conosce già abbastanza bene, corroborata da qualche buon innesto che però non basta ancora. Per la Salernitana la garanzia risiede in panchina con Ventura che ha voglia di riscatto dopo le esperienze in nazionale e al Chievo ma sulla carta mi sembrano meno attrezzati del Pescara per un campionato che possa proiettarli in zona playoff“.

 

Qualche assenza per mister Zauri che dovrà fare a meno di Vitturini, Crecco e Scognamiglio; quali le ultime sulla formazione abruzzese?

La formazione è quella che per ora potrebbe essere considerata quella base con la sola eccezione di Campagnaro pur non al meglio al posto di Scognamiglio. C’è anche l’ipotesi Ciofani centrale ma che non verrebe utilizzata. A centrocampo Ventola e Memushaj sono in vantaggio per un posto da titolare. Il modulo sarà 4-3-3 e l’unico dubbio tattico è legato all’utilizzo di Brunori che non è un esterno di ruolo“.

 

Cosa c’è da temere invece di questa Salernitana che ha cambiato molto?

Al momento può ambire ad un campionato tranquillo senza troppo patire, ci si aspettava un mercato più incisivo e con qualche nome importante già dalle prime battute di mercato soprattutto per la presenza di Ventura che non ha sposato il progetto senza ambizione. Parecchio però può ancora accadere. Questa sera mi aspetto una Salernitana compatta, reparti corti e che più che fare la partita può mettere in difficoltà di rimessa“.

 

Ai nastri di partenza dove si posizionano Salernitana e Pescara?

Almeno le tre retrocesse e il Benevento mi sembrano quelle più attrezzate e inserico la Cremonese. Un gradino più sotto il Crotone, dopodiché c’è tutto un gruppone incluso il Pescara che punta all’ingresso ai playoff. La Salernitana non la vedo al momento inclusa“.

 

Quanto mancherà l’apporto di un pubblico caldo come quello granata?

Il pubblico di Salerno è caldo ed importante, uno dei più trascinanti della B. Dai dati della prevendita non credo ci si posssa attendere il dodicesimo uomo in campo ma credo che dopo il recente passato un calo numerico sia anche fisiologico“.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News